I  COMMENTI DI QUESTO POST SONO STATI CHIUSI PERCHÈ LA DISCUSSIONE È STATA SPOSTATA IN UNO SPAZIO APPOSITO, RAGGIUNGIBILE TRAMITE QUESTO LINK: https://www.roars.it/monitoring-asn/

Nel momento in cui scriviamo, stanno uscendo sul sito del MIUR i primi risultati della prima tornata delle abilitazioni scientifiche nazionali (ASN).

Per ora (8 dicembre 2013, h 16:57) sono usciti soltanto 13 settori concorsuali:

  • 01/A4 – Fisica Matematica
  • 06/D3 – Malattie Del Sangue, Oncologia E Reumatologia
  • 06/E1 – Chirurgia cardio-toraco-vascolare
  • 07/H1 – Anatomia E Fisiologia Veterinaria
  • 07/H5 – Cliniche Chirurgica E Ostetrica Veterinaria
  • 08/A1 – Idraulica, Idrologia, Costruzioni Idrauliche E Marittime
  • 09/H1 – Sistemi Di Elaborazione Delle Informazioni
  • 11/A1 – Storia Medievale
  • 11/A3 – Storia contemporanea
  • 11/A4 – Scienze Del Libro E Del Documento E Scienze Storico Religiose
  • 11/C2 – Logica, storia e filosofia della scienza
  • 11/C4 – Estetica e Filosofia dei linguaggi
  • 12/B1 – Diritto commerciale e della navigazione

Ecco il link alla pagina del MIUR che si aggiornerà con i risultati degli altri SSD.

Nel frattempo è stato pubblicato anche il seguente comunicato:

2 dicembre 2013

Si comunica che alla data del 30/11/2013 le Commissioni che hanno proceduto alla chiusura dei lavori e all’invio degli atti al Ministero tramite l’apposita procedura telematica sono 149 su 184.  Per le Commissioni che non hanno concluso i lavori entro il 30/11 sarà adottato specifico provvedimento che fisserà un termine massimo, secondo quanto previsto dall’art.8, comma 6, DPR 222/2011,  entro cui concludere i lavori.   Il Ministero sta procedendo alla ricognizione degli atti di ogni singola commissione e quindi, a decorrere dalla data odierna, alla pubblicazione degli stessi.  Tenuto conto che alcune commissioni hanno allegato nei verbali caricati nella procedura telematica copia di documenti di identità di singoli commissari, si precisa che tali documenti non saranno  pubblicati a tutela della privacy.  Nella Sezione “Candidati all’abilitazione 2012” è pertanto disponibile l’accesso ai risultati e agli atti dei settori concorsuali la cui ricognizione può ritenersi conclusa.

Segnaliamo anche la lista degli articoli di ROARS in merito all’Abilitazione Scientifica Nazionale.

I  COMMENTI DI QUESTO POST SONO STATI CHIUSI PERCHÈ LA DISCUSSIONE È STATA SPOSTATA IN UNO SPAZIO APPOSITO, RAGGIUNGIBILE TRAMITE QUESTO LINK: https://www.roars.it/monitoring-asn/

Print Friendly, PDF & Email

249 Commenti

  1. Alla fine del secondo giorno sono ben 8 i settori pubblicati. Coraggio, ne restano 141.. In 35 giorni lavorativi ce la facciamo. Proprio fulminei. Buona ansia a tutti

  2. in un settore concorsuale , non faccio il riferimento preciso, la commissione ha chiesto il parere “pro vertiate”, che è stato favorevole.. e poi hanno votato all’unanimità la non idoneità del candidato!! Ma a logica se si chiede il parere “pro veritate” vorrà dire che qualcuno non era d’accordo e poi, visto il parere favorevole, come si fa a votare all’unanimità il candidato NON IDONEO??!!

  3. Queste ASN insegnano qualcosa. Lo spirito era quello di identificare gli “improduttivi”. Sono state ideate le mediane e gli indicatori bibliometrici individuali. Tale impostazione scientometrica è stata criticata, in particolare su questo forum, nel nome di un “merito” attribuito da illuminate commissioni. Di fatto, i candidati rimasti in lizza erano i non ritirati o coloro che superavano le mediane, quindi già la scrematura voluta dalla legge originaria era fatta. Le commissioni invece hanno “bocciato” anche chi le mediane le superava e promosso altri con criteri imperscrutabili o forse disegnati ad hoc. Della serie “aridatece le mediane!”. Questa è l’università italiana, bellezza…

  4. Vorrei condividere questi quesiti che mi stanno assillando:

    1. per ragioni di privacy io non posso pubblicare sul web gli esiti degli esami della mia materia con i corrispondenti nomi dei miei studenti, ma devo associare ad ogni esito il numero di matricola. Perchè allora i giudizi ASN sono pubblici?

    2. supponiamo che un candidato venga giudicato non idoneo. Con che faccia si presenterà alla prossima sessione d’esami davanti a studenti che potrebbero a quel punto mettere in discussione la sua autorevolezza come docente? E davanti ai suoi laureandi?

    3. se un candidato viene giudicato non idoneo, come giustificare la possibile didattica pregressa e gli eventuali giudizi – magari ottimi – degli studenti? Come risolvere il cortocircuito logico che si origina a partire dal fatto che da un lato uno è stato considerato un ottimo docente per un sacco di tempo e dall’altro ora di colpo non lo è più? E il parere degli studenti, allora, quanto vale? E dunque tutta la retorica della valutazione dei docenti da parte degli “utenti” (studenti) dove va a finire?

    4. le commissioni sono cadute in un tranello geniale?
    Spiego: a colpo d’occhio direi che almeno il 50% dei candidati è stato giudicato non idoneo. Il giornalista/commentatore-quadratico-medio potrà dunque concludere che il 50% (o la percentuale che risulterà) dei ricercatori/associati/scienziati italiani non è meritevole di passare di grado e ciò ovviamente dimostra quanto è stato più volte detto: gli scienziati/accademici italiani sono dei fannulloni che i cittadini mantengono con le loro tasse. Pertanto i settori pubblici della ricerca e dell’istruzione superiore non funzionano e infatti le nostre università non rientrano nelle top 100 del…. ecc. ecc.

  5. … e quindi vanno chiuse per metà?
    Intanto vedo una bocciatura illustre che lascia di stucco.

    • ne vedrai tante di bocciature di figli di baroni … questo concorso aveva questo spirito anche se possedevi le mediane …

  6. Come ho già detto da altre parti, l’abilitazione è diventata di fatto un concorso per titoli, ed ogni commissione ha stabilito i suoi criteri. Le mediane sono solo diventate uno dei tanti, ed in certi casi non il più importante. I settori pubblicati sono ancora pochi, quindi non è facile avere ora una visione d’insieme. Di certo, in alcuni settori le valutazioni e la trasparenza nel motivarle sono per lo meno discutibili. Risulta abbastanza chiaro che molto peso hanno avuto le pubblicazioni presentate e “altri titoli”, spesso neppure richiesti (es. perché non è stato previsto uno specifico campo per la didattica, se si è poi rivelata così fondamentale?). In alcuni casi è stata fatta una vera peer review, come da qualcuno auspicato…

  7. Un altro quesito? ma il Ministerò avrà imposto l’unanimità a tutte le commissioni per evitare probabili ricorsi? voi che ne pensate?

  8. E’ ovvio che data l’arbitrarietà di applicazione dei criteri delle mediane e ripetuta inconsistenza dei giudizi, i ricorsi saranno fatti a decine e centinaia…e anche vinti abbastanza facilmente…

  9. Muoviamoci insieme miei cari “trombati”.. Auspico che qualche collega giurista ci dia qualche suggerimento più in là….

  10. A chi si arrovella sul criterio della commissione 09/H1… io personalmente lo trovo molto semplice.

    Premessa doverosa: questo settore (ING-INF/05 secondo la vecchia nomenclatura) è quello comunemente indicato come “Ingegneria Informatica”. Nell’area 09 è probabilmente il più generale/interdisciplinare di tutti, nel senso che ne fanno parte gente che in realtà lavora principalmente su calcolo numerico, biomedicina, elettronica, telecomunicazioni, psicologia, e via dicendo. Oltre a tutti questi settori, esiste poi anche il settore 01/B1 (“informatica”, ovvero INF/01 con il vecchio nome) che è praticamente identico come competenze, ma lo 09/H1 è quello a cui afferiscono gli ingegneri, lo 01/B1 è quello a cui afferiscono i matematici – infatti 09 è la classe delle ingegnerie, 01 quella delle scienze. Ma a parte questa differenza burocratica solo italiana, gli INF/01 e gli ING-INF/05 hanno spesso davvero le stesse competenze, vanno alle stesse conferenze eccetera.

    Quando sono uscite le mediane di questo settore erano molto basse (appunto perché vi convergono tante competenze diverse… e poi anche perché ci sono associati poco produttivi, come quelli che tengono i corsi di excel nelle facoltà umanistiche) e così molti hanno pensato: faccio domanda anche in questo settore, oltre che nel mio, visto che supero abbondantemente le mediane.

    La commissione ha quindi reagito in modo corporativo e ha preventivamente scremato tutti coloro che hanno una posizione da strutturato in un settore diverso da ING-INF/05. Dalle mie ricerche, tutti gli aspiranti che corrispondono a questo criterio sono stati trombati, nonostante molti di loro superassero le mediane, e di molto.

    E a riprova di ciò, ci sono diversi casi come:

    candidato A: strutturato in un settore diverso (ad esempio INF/01) con decine di articoli su riviste ampiamente pertinenti al settore, supera abbondantemente le mediane –> trombato

    candidato B: non strutturato (per esempio straniero, borsista o ricercatore di ente non universitario) che supera di poco le mediane, ma ha pubblicato quasi integralmente assieme al candidato A (corollario 1: ha pubblicato meno di A; corollario 2: le riviste sono le stesse di A) –> abilitato

    • Io sono un candidato di tipo A, secondo la definizione data sopra. In realtà le mediane di INF-01 e ING-INF-05 erano molto simili, e non poteva essere altrimenti perché, come dici tu, i due settori sono ampiamente sovrapponibili. Alzare muri intorno al proprio settore disciplinare è una pratica accademica tutta italiana, di cui il CUN penso vada fiero. Come si vede, le persone e il loro arbitrio prevalgono sempre su norme, regole, numeri e statistiche, almeno fintanto che le persone faranno parte del meccanismo.

    • Sinceramente io questa logica non l’ho percepita. Conosco sia INF/01 e ING-INF/05 che non stanno nei casi A e B. Inoltre quando dici che i due settori sono sovrapponibili dovresti anche andarlo a dire a quelli (sopratutto INF/01 credo) che sono risultati non idonei perché il tipo di ricerca non era attinente al settore. Tra le altre cose sono passati teorici puri che con l’ingegneria informatica sono separati dalla nascita tanto per rimarcare l’attinenza o meno al settore.

    • Caro (o cara) epsy,
      stupisce anche me che tu conosca gli esiti di INF/01.

      Comunque scusa, senza polemica, ma la logica ti difetta un po’: io conosco un mio prozio che ha campato fino a 94 anni fumando due pacchetti di sigarette al giorno. Vuol dire che fumare allunga la vita? Non è con i (rari) controesempi che si dimostra qualcosa.

      Anche la tua obiezione (discutibilissima, se permetti, e potrei farti qualche esempio di ricercatore ING-INF/05 con cui ho lavorato personalmente e che si occupava di tematiche molto teoriche e poco ingegneristiche) che ING-INF/05 non comprenda l’informatica teorica non c’entra niente. Io ti sto dicendo che noto due candidati che sono coautori di molti articoli, proprio su argomenti propri della classe di scienze, cioè di INF/01 e non di ING-INF/05. Infatti il più bravo di questi 2 è stato preso all’ultima come ricercatore a INF/01. Quello con meno titoli è invece ancora precario. Conclusione: hanno abilitato solo il secondo, proprio perché non aveva la stigma di figurare come esterno al settore.

      Casi come questi di cui sono a conoscenza e che dimostrano la difesa corporativa del settore sono proprio tanti (al punto che “roc”, che non conosco, mi ha risposto dopo poco).
      Mentre io personalmente non ho trovato NESSUN candidato che fosse strutturato di un settore diverso da ING-INF/05 e abbia preso l’abilitazione (per la precisione: ne ho contati 32, tutti trombati unicamente per questo motivo).

      Ma dato che sai tutto, mi puoi fare qualche nome, anche uno solo, di un ricercatore del settore INF/01, oppure di un ING-INF/x qualsiasi diverso da 05, che abbia preso l’abilitazione in ING-INF/05? Grazie in anticipo.

    • Intendevo quelli INF/01 che hanno presentato domanda nel settore 09/H1. Mi dispiace ma sono anche io figlio di un dio minore.

    • @Domenico Lojovine Scusami ma non credo che sia corretto fare nomi. Ma puoi trovare facilmente abilitati e non abilitati (in entrambe le fasce) tra i candidati INF/01 con ricerche prevalentemente di informatica teorica.

    • Io farei l’antidoping a tutti quelli che negli ultimi anni hanno avuto una impennata del proprio h-index. Bastava guardare i grafici su scopus. Magari togliere le autocitazioni e ricalcolare le mediane…

    • Per bilanciare i candidati trombati di tipo A e di tipo B, la commissione del settore 09/H1 ha poi pensato bene di introdurre la categoria dei candidati di tipo J (dove J sta per jolly), ovvero di coloro che pur non soddisfando il requisito minimo del superamento di 2 mediane su 3 (così come definito dalla commissione), pur ricevendo giudizi di “buono”, e pur non avendo ricevuto un giudizio unanime dai commissari, hanno ricevuto l’abilitazione.

  11. No, non è figlia di baroni. Ce n’è invece una nel mio settore (non ha 12 pubblicazioni: voglio vedere cosa succede).

  12. Penso che qualcosa sia successo, io sto ininterrottamente chiamando l’Ufficio Abilitazioni del MIUR, ma non risponde (inspiegabilmente) nessuno, mentre in passato rispondevano dopo non troppi squilli. Visto che è il nr di un ufficio pubblico penso di poterlo dare: 06 97727537. Vorrei sapere qualche informazione in più sulla tempistica di uscita dei risultati dei SC (almeno del mio SC). Non è possibile far uscire i risultati così a singhiozzo. E’ il solito modo superficiale e pasticciato a cui il MIUR ci ha fin qui abituato.

  13. Le mediane sono servite un poco per evitare casi eclatanti e scandalosi come quelli che ci sono stati nel passato. Il problema vero è quello della classe docente italiana.

    Le commissioni sono fatte di uomini. Il problema sta lì e di rado nella procedura. Sono i commissari che hanno utilizzato le abilitazioni come meglio credevano. Come sempre, l’errore più comune è stato non prestare attenzione a chi si bocciava. Una bocciatura oggi ha un peso enorme. I commissari hanno valutato che si rischia di rimanere bloccati 3 anni?

    • non ci si ferma per due tornate? ovvero quella prossima futura e la prima della nuova commissione?

    • ilprof: due anni (2013 e 2014) non puoi presentare domanda, e poi devi aspettare i risultati del 2015 che probabilmente arriveranno a meta’ 2016.
      Di fatto sei bloccato per 3 anni.
      Cmq questa della bocciatura la tolgono, scommettiamo? ;-)

    • Io credo che la lasceranno. sarebbe giusto lasciare il blocco se le commissioni avessero giudicato i candidati in una reale procedura di abilitazione dove avrebbe avuto senso. Di fatto, questo sistema ha innescato un meccanismo tipo concorso e a questo punto la bocciatura con blocco triennale è un vero macigno, specie in questa prima “sperimentale” tornata.

  14. Propongo un ricorso collettivo di tutti i trombati per l’uso arbitrario e fortemente discriminante delle mediane nei vari settori. Bisognava quantomeno adottare un criterio collettivo delle commissioni e non lasciare libero arbitrio ai “pruriti o vendette ” da parte di 4 commissari ( il membro esterno nella maggior parte dei casi neanche intendeva!) che decideranno il futuro delle Università italiane per i prossimi 3 anni… E’ semplicemente vergognoso ma prevedo una miriade di ricorsi…almeno lo spero!

    • Io appartengo alla classe dei trombati nonostante avessi 3 soglie su 3 (16,25 – 37,63 -12 e i parametri richiesti era 11 — 10.7 – 6) e le mie pubblicazioni siano pertinenti al settore 09-H1. Ho visibilità internazionale notevole e nonostante ciò sulla base di un criterio che i commissari hanno stabilito (forse sentendosi dei in terra) in maniera del tutto parziale alla fine mi hanno valutato solo 4 lavori dei 14 presentati nonostante secondo la valutazione del GEV avrei 5 uno e 5 due. Questo fa ancora più male se penso che candidati che non hanno neanche un decimo della mia visibilità (considerato che non hanno mai partecipato ad un progetto europeo) e non superavano le soglie, hanno preso l’abilitazione (mettendo come responsabilità di progetti cose inventate tipo ex MP60%)facendoli passare come geni che hanno cambiato la ricerca nel settore. Tutto aggiunto al fatto che non hanno neanche letto il mio CV, infatti indicano che la mia ricerca è in etologia (ma è mai possibile, dato che sono un ingegnere?) e che ho solo partecipato solo a due progetti nazionali in biomedicina (cosa altrettanto non vera). A questo si aggiunge il fatto che mentre nei criteri era chiaramente detto che si doveva tenere principalmente conto degli ultimi 5 anni si sono abilitati sia di prima che di seconda fascia persone che non hanno neanche un articolo in rivista in questo periodo. Io sinceramente farò il ricorso (ho già parlato con l’avvocato) e procederò anche alla denuncia della commissione in quanto ho come l’impressione che non siano stati errori casuali ma fatti ad hoc per far passare discepoli, amici degli amici e raccomandati. La cosa buona è che tutti gli atti sono lì e già sulla base del fatto che il commissario straniero (…) ha messo per tutti lo stesso giudizio. Scusate lo sfogo ma è veramente dura da digerire!

    • Signori attenzione per favore ai commenti, essendo un sito moderato la redazione potrebbe essere tenuta corresponsabile di vostre affermazioni ritenute ingiuriose. Ho per questo operato chirurgicamente sul commento di cspampin. Grazie

    • OMG, ma davvero il commissario straniero in 09/H1 ha dato i numeri. Ha scritto lo stesso commento (uno sproloquio inutile) per tutti i candidati, senza alcuna motivazione, variando solo l’ultima frase, in cui ha distinto i “world-class” researchers (abilitati alla seconda fascia) dai national-class researchers (NON abilitati alla seconda fascia). Ma per avere l’abilitazione da associatio non si doveva essere a livello “national”?

    • Solidarietà a cspampin……consolati pensando che vincerai il ricordo a mani basse, con eventuali implicazioni penali per falso in atto pubblico

    • Chiedo scusa alla redazione di ROARS se ho usato un linguaggio improprio ma la rabbia a volte eccede la ragione.

    • cspampin, spero di non aver violato la tua pricacy, ma per curiosità sono andato a leggere il verbale della tua valutazione, che è facilmente individuabile. Mi domando se a guidare la mano e la coscienza dei comissari non dovrebbe essere il bene dell’ Università italiana, ma come ha detto Crozza ieri “ma quanto son stupido”.
      Paradossale e dir poco; invito anche gli altri a leggere, se mi permettete.
      Cambiano tutto per non cambiare niente

    • Intanto vi ringrazio per il supporto morale che in questi casi non fa mai male.
      Non ho nessun problema a rendere pubblico (se la redazione di ROARS me lo consente) il mio profilo.

      Per darvi altri spunti riflessione sullo stato vergognoso, diffamante di questi ASN di seguito trovate la valutazione del mio CV che ho ricevuto in seguito ad una Marie Curie IOF.

      ———————————————–
      Issues to be addressed when assigning an overall mark for this criterion:

      – Research experience**

      – Research results including patents, publications, teaching etc., taking into account the level of experience

      – Independent thinking and leadership qualities

      – Match between the fellow’s profile and project

      – Potential for reaching a position of professional maturity

      – Potential to acquire new knowledge

      Please use the following structure in your comments to this criterion:

      – Strengths of the proposal (bullet point structure):

      – Weaknesses of the proposal (bullet point structure):

      – Overall comments:

      (reflecting the relative importance of the strengths and weaknesses above mentioned)

      Strengths:

      + The researcher has a very good track record of working in areas relevant to the proposal.

      + The researcher has been active in the community, and has built a number of valuable collaborations, which provides
      evidence of leadership capabilities.

      + The researcher has a very good track record of publications in high quality outlets.

      + The researcher has been proactive in organising various research activities.

      + The researcher has identified areas for personal development.

      Weaknesses:

      – The researcher has not clearly outlined the contribution to papers with many authors.

      Overall score (Threshold: 4.00/5.00, Weight: 0.25) 4.60
      ———————————————–

      Quindi a livello europeo dicono beh si non sei proprio male e a livello nazionale, questi professori delle commissioni di alto livello hanno messo:

      “Le pubblicazioni scientifiche presentate sono
      abbastanza coerenti con le tematiche del settore concorsuale o con tematiche interdisciplinari ad esso pertinenti. Considerando l’apporto individuale nei lavori in collaborazione, il numero e il tipo delle
      pubblicazioni presentate, il loro impatto all’interno del settore concorsuale e la loro distribuzione sotto il profilo temporale, come stabilito nei punti (a) e (b) dei parametri di valutazione delle pubblicazioni, la qualità
      delle pubblicazioni, valutata all’interno del panorama internazionale della ricerca, sulla base dell’originalità, del rigore metodologico e del carattere innovativo è limitata, anche se con degli aspetti di maggior rilievo.”

    • Come si procede per fare un ricorso…. non mi è mai capitato prima!
      A me non torna il calcolo del CINECA del numero di pubblicazioni normalizzato: dicono 8, sotto il minimo 10, mentre secondo me doveva essere 11 !!!!
      E quindi mi hanno trombato!!

  15. @cspampin: grazie della segnalazione. Il comportamento del commissario James Miller è francamente indecente: ho aperto una 20na di giudizi ed egli ha usato sempre lo stesso testo. Che il ministero possa giudicare simili giudizi adeguati ad una commissione di tal natura mi pare francamente inconcepibile e, sia detto da giurista, credo che le tue probabilità di vincere il ricorso siano oltremodo fondate. in bocca al lupo!

    • Infatti! E ci siamo affidati al mito dello straniero per esprimere giudizi fatti con il copia ed incolla.

    • Sicuramente il commissario straniero era completamente fuori dal mondo! Ma neanche gli altri componenti della commissione scherzano, cioè hanno usato dei criteri di classificazione delle riviste tale da favorire solo chi faceva comodo.
      Faccio un esempio banale: ho avuto la seguente valutazione delle pubblicazioni da parte di un membro della commissione: 2 ottime e 2 molto buone. Ma io ne avevo presentato 14 a meno che dal ministero non abbiano deciso magari per problemi di spazio nei server di mandarne solo 4.
      Vado a vedere la valutazione del GEV area 09-H1 delle mie riviste e vedo che tre solo di classe 1 (eccellente), tre di classe 2 (molto buono) e poi ne alcuni interdisciplinari per cui la valutazione VQR avera dato eccellente.
      Gli articoli fatti in collaborazione (che ha richiesto un enorme sforzo) con i medici praticamente sono carta straccia, mentre chi ha solo pubblicato in riviste dove lui/lei o il loro capo è nell’editorial board o EiC della rivista ha ottenuto valutazioni eccellenti.

      Comunque hanno sicuramente ottenuto l’obiettivo che cercavano, dopo 10 anni di sacrifici, di umiliazioni, etc., mollo la ricerca …. almeno qui in Italia ;-)

  16. cspampin sono solidale con te …appartengo ad un settore diverso e condivido con te il triste destino nonostante avessi tutto , internazionalizzazione compresa!

  17. e cmq secondo me i risultati sarebbero dovuti uscire tutti insieme ,come specificato nel bando… Anche in questo si avvantaggiano alcuni rispetto ad altri e può essere motivo di ricorso .. o sbaglio?

Comments are closed.