La settimana ROARS: 24 -30 novembre 2014.

Una rapida sintesi dei contributi pubblicati
nel corso della settimana appena conclusa.

 

  • “Qui comincia l’avventura del Signor Bonaventura …”: allo storico personaggio del Corriere del Piccoli un assegno da “un milione” assicurava un immancabile e rassicurante lieto fine. Gli assegnisti di ricerca, a dispetto del loro nome, sono meno fortunati: infatti, il problema del limite di quattro anni sta per esplodere e per diventare un caso sociale (Qui comincia l’avventura…). In effetti, l’impatto della riforma, complici anche i tagli, non è stato benigno nei confronti delle carriere accademiche. Stanno a testimoniarlo anche le malcerte sorti della commissione ASN del settore 05/E1 (Biochimica Generale e Biochimica Clinica) (Sulla decadenza delle commissioni ASN 2013: il caso di biochimica). Del tutto naturale che ci si interroghi su come si possa mettere rimedio agli incongrui interventi degli ultimi anni, cercando di porsi quanto meno in una prospettiva europea (Le prospettive del reclutamento in Europa). Ma bisogna già scrutare con attenzione l’orizzonte, dato che la progettata riforma della Pubblica Amministrazione sembra doverci riservare altre nuove pietanze, con particolare riguardo all’età pensionabile dei docenti universitari, all’ASN, alla valutazione della didattica e della ricerca (Università e riforma della Pubblica Amministrazione: cosa ci attende?).
  • L’International Council for Science (ICSU) un’organizzazione non governativa, a cui afferiscono organismi nazionali della ricerca (121 Membri in rappresentanza di 141 paesi, per l’Italia il CNR) e International Scientific Unions (31 membri) dichiara il suo appoggio all’accesso aperto e un invito a porre attenzione ai rischi connessi al cattivo uso delle metriche per la valutazione della ricerca (Open access to scientific data and literature and the assessment of research by metrics). L’Associazione Italiana di Sociologia scrive all’ANVUR riguardo al workshop sul tema della valutazione della ricerca nel campo delle Humanities e delle Social Sciences, tenutosi a Roma il 17 novembre, giudicandolo “un’altra occasione perduta” (ANVUR e la valutazione della ricerca nelle scienze umane e sociali: lettera dell’Associazione Italiana di Sociologia).
  • L’applicazione dello scatto stipendiale per nascita di figlio è soggetta al blocco degli aumenti stipendiali? Secondo il CODAU si configura come “un evento straordinario della dinamica retributiva” e come tale potrebbe essere riconosciuto (Blocco degli scatti e nascita di figli: il parere del CODAU).
Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.