AnvurGames2

Appunti per una sceneggia-tura(-ta) Lo scenario è quello del post-autonomia: l’Università, distrutta da anni di crisi economica e accusata di corruzione e malaffare si trova, all’epoca in cui si svolgono i fatti, sotto il prepotente dominio di Vuquer. Sessanta grandi centri sparsi su tutto il territorio sono controllati dalla ricca Anvur City. Ogni anno, come monito nei confronti di un fallito tentativo di resistenza hanno luogo i Median Games. La partecipazione è obbligatoria e la competizione richiede che ognuno dei sessanta centri selezioni e invii come concorrenti ai Median Games metà dei propri ricercatori (detti anche “disabilitati”).

I prescelti dovranno combattere una battaglia che finirà solo quando tutti i partecipanti saranno eliminati con l’eccezione di un singolo, unico sopravvissuto.

La selezione, o disabilitazione, si svolge in un luogo all’uopo attrezzato, detto “Cineca”, dove gli Strateghi di Vuquer con sofisticati, inaccessibili, e ai più incomprensibili, criteri cibernetici procedono a selezionare il gruppo di partecipanti ai giochi.
Ovviamente imprescrutabili equilibri politici fanno sì che i criteri favoriscano di volta in volta i ricercatori dei centri che si sono mostrati più “vicini” a Vuquer.

I passi del processo selettivo sono i seguenti:

  1. a ogni ricercatore viene attribuito un punteggio sulla base dei criteri arbitrariamente e insindacabilmente decisi da Vuquer;
  2. si calcola la mediana (da cui il nome dei giochi, Median Games) del punteggio (si ricorda che, per definizione, la mediana indica il punteggio che lascia metà dei ricercatori sopra e metà sotto di esso);
  3. tutti coloro che sono al di sotto della suddetta mediana sono “disabilitati”, ovvero sono selezionati per partecipare ai Median Games.

Alla fine di ogni Median Games tutti i ricercatori disabilitati (a parte uno solo) saranno stati eliminati, cosicché il valore della mediana si sposterà inesorabilmente verso l’alto a ogni nuova edizione dei giochi.

A ogni edizione dei Median Games la metà dei ricercatori viene inesorabilmente di volta in volta eliminata. Lo scopo evidente dei Median Games è quello di rimanere nel giro di un certo numero di anni con un solo ricercatore (per la precisione, se N=2**k è il numero di ricercatori ci vorranno k anni per ottenere il risultato voluto).
Quest’unico superstite verrà invitato a far parte di Vuquer [1].

Nel tentativo di non finire fra i disabilitati i concorrenti cercheranno di stringere alleanze con i “favoriti”, ovvero i ricercatori che lavorano in gruppi molto numerosi,  e ottenere così doni dagli sponsors (i doni più ambiti sono, oltre al denaro, le cosiddette “citazioni”). Naturalmente ogni ricercatore sa che l’alleanza è provvisoria e che, a causa della logica perversa e crudele del gioco, verrà sempre il momento in cui l’alleato diventerà un nemico da eliminare.

La storia racconta che, durante un’edizione dei giochi, l’uccisione di Cynus provocò la rivolta del centro 47, Branched Tower. A questo punto il capo degli Strateghi, Coronato Bigjacks, cambiò le regole del gioco per suggerimento di colei che era all’epoca l’ideatrice delle regole, la tristemente nota Light Marie Wagon. Si stabilì in quella occasione che i vincitori avrebbero potuto essere due, a patto che avessero lo stesso indice contemporaneo [2]. Con questa manovra gli strateghi riuscirono a placare la rivolta, perché i ricercatori concentrarono tutte le loro energie nel calcolo dell’indice.


Nota: Lo sceneggiatore non nasconde di essersi liberamente ispirato al film “Hunger Games”, la cui trama può essere letta su Wikipedia:
http://it.wikipedia.org/wiki/Hunger_Games_(film)

[1] L’anno in cui ebbe luogo la prima edizione dei Median Games i ricercatori erano circa 60000. Dopo circa 16 anni lo scopo fu felicemente raggiunto: tutti i centri vennero finalmente chiusi!

[2] Nonostante numerose e costose ricerche, con l’aiuto di esperti di ogni genere (compresi maghi stregoni ed esorcisti) nessuno è ancora riuscito a capire quale fosse il senso di questo misterioso “indice contemporaneo”.

2 Commenti

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.