Segnaliamo questo articolo di Jeffrey D. Sachs e Sybil Fares (traduzione nostra) sulle polemiche sulle proteste degli studenti universitari nelle università statunitensi.

Chi parla a favore della Palestina protesta contro l’ingiustizia politica e l’illegalità dello status quo. Hanno il diritto di esprimersi e noi dovremmo difendere con forza questo diritto.

La prepotenza del Congresso e dei donatori nei confronti delle università americane e dei loro studenti minaccia di distruggere un pilastro fondamentale della democrazia americana: la libertà di parola politica. La guerra a Gaza ha infiammato le tensioni negli Stati Uniti e nel mondo. Tuttavia, invece di incoraggiare la deliberazione pubblica, la comprensione storica e la ricerca della pace, politici e donatori mirano a bloccare l’opposizione pubblica alle politiche del governo israeliano.

L’ultima vittima di questa prepotenza è l’Università della Pennsylvania, dove il presidente dell’università e il presidente del consiglio di amministrazione sono stati indotti a dimettersi dopo gli attacchi della deputata Elise Stefanik (R-N.Y.). La Stefanik ha distorto grossolanamente i termini di base nel suo attacco verbale a tre presidenti di università. Le sue volgari manipolazioni e la spinta dei donatori di Wall Street, guidati da un amministratore delegato di una società di private equity, hanno messo in ginocchio una delle migliori università.

Mentre gli amministratori di Harvard hanno appoggiato il presidente di Harvard, l’assalto alle università continua. Il donatore della UPenn ha ora inviato all’università un elenco di domande estremamente invasive riguardanti le assunzioni, le ammissioni degli studenti, la selezione dei corsi e altri argomenti fondamentali per la libertà accademica e la governance. Il direttore esecutivo del Penn Chapter dell’American Association of University Professors ha scritto che “oggi, amministratori non eletti e privi di competenze accademiche stanno evidentemente tentando un’acquisizione ostile delle funzioni accademiche fondamentali dell’Università della Pennsylvania – funzioni relative al curriculum, alla ricerca, all’assunzione e alla valutazione dei docenti”.

Nell’attaccare il presidente dell’UPenn, Stefanik ha affermato in modo infondato che le università non stanno facendo un giro di vite contro gli studenti che invocano il genocidio contro gli ebrei. L’accusa è falsa. Le proteste degli studenti non invocano il genocidio, ma i diritti politici dei palestinesi. L’AP ha sfatato le false affermazioni diffuse sui social media, secondo cui i manifestanti filo-palestinesi starebbero invocando il genocidio degli ebrei. Al contrario, i manifestanti accusavano Israele di genocidio a Gaza, accusa sostenuta dal Center for Constitutional Rights. (Ci possono essere casi di individui che invocano il genocidio, ma nessuno ha ancora prodotto un solo caso documentato che si applichi alle proteste del campus, tanto meno che costituisca un modello diffuso).

Durante la testimonianza di tre presidenti di università davanti alla Commissione per l’istruzione e la forza lavoro della Camera, Stefanik ha grossolanamente travisato il significato dei termini per sostenere la sua tesi fasulla. Interrogando il presidente Gay di Harvard, ha chiesto:

“Le offerte di ammissione saranno revocate o saranno presi provvedimenti disciplinari nei confronti di studenti o candidati che dicono “dal fiume al mare” o “intifada”, sostenendo l’omicidio di ebrei?”.

L’accusa di Stefanik che questi termini significhino “sostenere l’omicidio degli ebrei” è infondata. Le due frasi riguardano la politica, non l’omicidio.

Come probabilmente sa anche Stefanik, l’espressione “dal fiume al mare” riguarda chi governa il territorio dal fiume Giordano al Mar Mediterraneo. L’espressione e le frasi strettamente correlate sono usate da quegli israeliani che rifiutano lo Stato di Palestina e da quei palestinesi che rifiutano lo Stato di Israele.

Il manifesto del 1977 del partito di destra israeliano Likud, cioè il partito del primo ministro Netanyahu, dichiarava: “Tra il mare e il Giordano ci sarà solo la sovranità israeliana”. Nel 2014, il ministro dell’Agricoltura israeliano ha dichiarato: “Tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo ci sarà solo uno Stato, cioè Israele”. Il ministro delle Finanze fascista autoproclamatosi israeliano, Bezalel Smotrich, ha recentemente tenuto un discorso con mappe che mostrano il Grande Israele che include la Cisgiordania, Gaza e parti della Siria e della Giordania, cioè il Grande Israele dal fiume al mare.

Così, sia gli israeliani che i palestinesi invocano questo concetto. Di per sé è un concetto politico, non un invito all’omicidio, ma una rivendicazione di sovranità politica. Potrebbe assumere un intento omicida in alcuni contesti o da parte di alcuni oratori, ad esempio se un israeliano di destra usasse la frase specificamente per giustificare la distruzione di massa e lo spopolamento di Gaza. Nella loro testimonianza, i tre presidenti delle università hanno parlato del contesto del linguaggio, tanto più importante in quanto la premessa stessa dell’interrogazione – che gli studenti manifestanti stiano invocando un genocidio ebraico – è falsa. L’affermazione che il contesto conta è troppo sottile per personaggi come Stefanik, che usa il linguaggio per fare il bullo, non per i fatti o per un dialogo onesto.

Poiché il contesto conta, ecco il vero contesto delle proteste nei campus. Gli studenti protestano contro uno status quo politico in cui Israele ha già ucciso più di 17.700 gazesi, di cui il 70% erano donne e bambini, usando munizioni fornite dagli Stati Uniti; ha distrutto case, ospedali e scuole, sfollando quasi due milioni di gazesi; e ha privato l’intera popolazione di cibo, acqua sicura, assistenza sanitaria e altri bisogni essenziali. Gli studenti protestano contro uno status quo politico in cui Israele già governa dal fiume al mare, e invocano questo stesso concetto nella richiesta di un Grande Israele. Gli studenti rifiutano le ripetute violazioni di Israele delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, compresa la risoluzione che dichiara gli insediamenti israeliani in Cisgiordania una “flagrante violazione” del diritto internazionale con “nessuna validità legale”. Anche in questo caso, naturalmente, possono esserci casi individuali di incitamento all’odio, ma le proteste del campus riguardano la politica.

L’affermazione che il contesto conta è troppo sottile per personaggi come Stefanik, che usa il linguaggio per fare il bullo, non per i fatti o per un dialogo onesto.

Nel chiedere l’Intifada, gli studenti chiedono un cambiamento politico, non un omicidio. La parola Intifada (arabo: انتفاضة) significa “resistenza”. L’espressione deriva dalla parola radice nafed (arabo: نفض), che si traduce con “scrollarsi di dosso”, ovvero scrollarsi di dosso l’oppressione. Per decenni, l’appello all’intifada è stato un appello all’autodeterminazione e all’indipendenza dei palestinesi, pienamente compatibile con la soluzione di uno o due Stati.

Thomas Jefferson ha sostenuto la necessità di un’intifada americana nella Dichiarazione d’Indipendenza, cioè di scrollarsi di dosso il dominio britannico. Quando i palestinesi chiedono la fine dell’occupazione israeliana della Palestina, seguono Jefferson:

“I governi sono istituiti tra gli uomini e traggono i loro giusti poteri dal consenso dei governati; ogni volta che una forma di governo diventa distruttiva di questi fini, è diritto del popolo modificarla o abolirla e istituire un nuovo governo, che ponga le sue fondamenta su principi e organizzi i suoi poteri in una forma che gli sembri la più adatta a garantire la sua sicurezza e la sua felicità”.

Mentre Stefanik cerca di soffocare la libertà di parola e la protesta politica, i leader arabi e islamici ribadiscono il loro appello di lunga data per la pace basata sulla soluzione dei due Stati. Israele dovrebbe concordare con i Paesi arabi e islamici, con il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e con l’Autorità Palestinese la soluzione dei due Stati. In una pace di questo tipo, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU dispiegherebbe truppe anche dagli Stati arabi per garantire la pace a Gaza e smobilitare le milizie violente. La Palestina diventerebbe il 194° membro permanente delle Nazioni Unite, come aveva chiesto una dozzina di anni fa prima che la richiesta fosse bloccata dall’amministrazione Obama.

In sintesi, gli studenti che parlano a favore della Palestina protestano contro l’ingiustizia politica e l’illegalità dello status quo. Hanno il diritto di esprimersi e noi dovremmo difendere con forza questo diritto. Il Congresso dovrebbe smettere di intimidire i nostri studenti e adempiere al suo compito più urgente: porre fine alle uccisioni di massa a Gaza e forgiare un percorso di pace.

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.