Segnaliamo ai lettori le osservazioni del CUN relative alla legge di bilancio e al relativo stanziamento di risorse per il sistema universitario. Scrive il CUN:

In tale quadro, ci si sarebbe attesi un rilevante incremento delle risorse destinate al sistema universitario in grado di compensare per intero la progressione dei costi nelle diverse voci di bilancio. Per esempio, ci si sarebbe potuti attendere un ulteriore ampliamento dell’attuale no tax area, per sostenere un maggior numero di famiglie che hanno subito una riduzione del potere di acquisto, o un incremento strutturale delle risorse necessarie al fondo integrativo statale volto ad eliminare definitivamente il fenomeno dei cosiddetti “idonei non beneficiari”
che dal 2026 subirà un dimezzamento delle risorse destinate. Analoga considerazione può valere per l’incremento dell’indennità di vacanza contrattuale per il triennio 2022-2024 per il quale si prevedeva una copertura i cui oneri, invece, risultano a carico dei bilanci degli Atenei.

In realtà, la scelta percorsa appare andare in direzione contraria

con una riduzione complessiva di oltre €300 milioni.

Consiglio_universitario_nazionale

Print Friendly, PDF & Email

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.