Mentre in Italia il Parlamento discute della futura sperimentazione sull’insegnamento e sulla valutazione delle competenze non cognitive nelle scuole, già approvata alla Camera, a livello internazionale, il dibattito sul tema è assai ricco e procede da tempo. Vale la pena riportare la traduzione di un post del ricercatore Ben Williamson, sociologo dell’Università di Stirling, che chiarisce assai efficacemente la posta in gioco dietro l’apparente patina progressista che promuove l’attenzione sulle non cognitive skills. Le “character skills” o come esse vengono definite, a seconda dei diversi livelli locali, devono “essere intese come il prodotto di una fusione “psico-economica” di competenze psicologiche ed economiche” per le quali l’OCSE sta costruendo una metrica globale che permetterà di compararle e correlarle a futuri interventi politici  “che si concentrino sulla modifica delle caratteristiche della personalità degli studenti a vantaggio economico”.

 

 


L’ “apprendimento sociale ed emotivo” (SEL) è diventato uno degli argomenti più importanti nella politica e nella pratica dell’istruzione negli ultimi anni. Su scala internazionale, l’OCSE sta conducendo per la prima volta (ottobre 2019) il suo nuovo studio sulle competenze non cognitive sociali ed emotive, nel tentativo di produrre dati comparativi rilevanti per le politiche sulla capacità “non cognitiva” di diverse nazioni.

A livello nazionale e regionale, i dipartimenti governativi per l’istruzione hanno iniziato ad approvare SEL come una priorità chiave. A livello di classe, gli insegnanti utilizzano dispositivi edtech basati su SEL come ClassDojo, Panorama e HeroK12 per osservare l’apprendimento socio-emotivo degli studenti, abbinati a compiti come “diari delle emozioni”, poster “gestire le tue emozioni” e scale di autovalutazione per bambini per valutare le proprie emozioni.

Come dovremmo interpretare questa esplosione di apprendimento socio-emotivo? In un nuovo articolo di ricerca intitolato “Psychodata“, appena pubblicato sul Journal of Education Policy, sostengo che l’apprendimento socio-emotivo è un buon caso di “infrastruttura politica” attualmente in divenire e che il suo obiettivo principale è la costruzione di ‘infrastrutture dati’ per la misurazione delle abilità socio-emotive degli studenti. L’articolo presenta il mio tentativo di “smontare” l’infrastruttura statistica, psicologica ed economica dell’apprendimento socio-emotivo in alcune delle sue parti principali.

 

Politiche e infrastrutture di dati

 

Per infrastruttura politica intendo tutte le varie organizzazioni, forme di conoscenza specialistica, concetti, tecniche e tecnologie che devono essere riunite per rendere operativa qualsiasi area politica. Psicologia, economia e statistica, che includono persone, conoscenze, dispositivi, pratiche e tecniche, sono aspetti chiave dell’infrastruttura politica dell’apprendimento socio-emotivo. E per infrastruttura di dati intendo le tecnologie, le modalità di quantificazione, gli attori e i desideri che devono essere assemblati insieme per la misurazione su larga scala: il sistema di raccolta, analisi e presentazione dei dati. In effetti, sostengo che la costruzione di un’infrastruttura di dati sta rendendo possibile l’apprendimento socio-emotivo da concepire e attuare come un’area politica chiave. Un’infrastruttura politica, in questo senso, è in larga misura il suo sistema di dati.

L’apprendimento socio-emotivo suona come un’agenda progressista, incentrata sul bambino, ma dietro le quinte si tratta principalmente di nuove forme di misurazione del bambino.

Come ha osservato l’OCSE in un rapporto del 2015 proponendo il suo studio sulle abilità socio-emotive,

Sebbene tutti riconoscano l’importanza delle abilità sociali ed emotive, non vi è sufficiente consapevolezza di “ciò che funziona” per migliorare queste abilità e gli sforzi per misurarle e promuoverle”.

Molti altri sostenitori dell’apprendimento socio-emotivo parlano dell’importanza di costruire una “base di prove psicometriche” per dimostrare veramente la rilevanza politica dell’apprendimento socio-emotivo e per consolidarlo come un “campo politico” coerente. Di conseguenza, la costruzione dell’infrastruttura dei dati è diventata l’obiettivo centrale di molte organizzazioni che si occupano di socio-emotional learning, dalle organizzazioni di governance transnazionali come l’OCSE alle società edtech, filantropiche, gruppi di riflessione, edu-business e molti altri.

La misurazione delle emozioni degli studenti come “evidenza” per la definizione delle politiche è il punto centrale dei sostenitori dell’apprendimento socio-emotivo.

Questo non vuol dire che vediamo necessariamente un’infrastruttura di dati coerente per la quantificazione del socio-emotional learning. Questo forse è l’obiettivo finale, ma in realtà la misurazione di tale apprendimenti viene eseguita in una miriade di modi, coinvolgendo molteplici concettualizzazioni diverse, diverse posizioni politiche e diversi interessi settoriali. Lo studio dell’OCSE è chiaramente un tentativo di creare uno standard di misurazione globale per il socio-emotional learning, ma il suo uso della teoria della personalità e del metodo di test della personalità basato sulle Big Five test non è del tutto coerente con le strutture del socio-emotional learning derivate dalla psicologia positiva e dalla letteratura sullo sviluppo giovanile implementate da altre organizzazioni e coalizioni. L’articolo è un tentativo di identificare continuità e relazioni tra i diversi campi dell’apprendimento socio-emotivo, nonché di evidenziare incongruenze e incoerenze.

 

Competenza psico-economica

Sottolineo sei punti principali nel documento. In primo luogo, le competenze non cognitive di tipo socio -emotivo devono essere intese come il prodotto di una fusione “psico-economica” di competenze psicologiche ed economiche. La collaborazione di lunga data tra la studiosa di psicologa positiva Angela (“Grit”) Duckworth e l’economista James Heckman nella misurazione dell’apprendimento socio-emotivo e delle relative competenze “non cognitive” illustra questa combinazione interdisciplinare. Questi esperti psico-economici hanno raggiunto una notevole promiscuità transnazionale come autorità nell’apprendimento socio-emotivo e nella sua misurazione.

Ma questa fusione psico-economica illustra anche un contesto politico più ampio in cui psicologia ed economia sono diventate forme dominanti di competenza nella governance contemporanea. Questo non è necessariamente nuovo, ma man mano che i big data sono diventati disponibili, è diventato sempre più possibile raccogliere dati comportamentali e psicologici dalle popolazioni, che possono essere abbracciati dalle autorità (governative e non) nelle previsioni economiche e nella gestione politica. Heckman, Duckworth e altre autorità nel campo dell’apprendimento socio-emotivo incarnano un’economia politica in cui le qualità psicologiche umane vengono tradotte in dati psicometrici come misure quantitative del potenziale valore economico e i dati comportamentali sono diventati una fonte di “nudging” e di controllo da parte del governo.

 

Mobilità politica

Il secondo punto chiave riguarda la “mobilità politica” e gli insiemi di relazioni in movimento tra i gruppi di riflessione, le organizzazioni filantropiche e le coalizioni che sono state centrali per stabilire il socio-emotional learning come campo politico emergente. I grandi attori negli Stati Uniti includono CASEL, l’Aspen Institute e la Templeton Foundation. Loro, come l’OCSE, stanno stringendo relazioni con esperti e impacchettando l’apprendimento socio-emotivo in opuscoli patinati, meta-analisi, raccolte di prove e riepiloghi dei dati psicometrici esistenti, al fine di attirare l’impegno politico. In altre parole, sono coinvolti nel meticoloso lavoro di assemblaggio di diverse fonti e risorse in conoscenze attuabili e rilevanti per le politiche.

Piuttosto che un progetto dei governi centrali, quindi, il socio-emotional learning è il prodotto di una governance in rete che coinvolge organizzazioni di tutti i settori e lavora da prospettive e interessi diversi. Eppure, nonostante la notevole eterogeneità, queste organizzazioni stanno lentamente traducendo i loro diversi interessi in obiettivi condivisi, formando coalizioni e producendo dichiarazioni di “consenso” che cercano di stabilizzare l’apprendimento socio-emotivo come area coerente di sviluppo delle politiche.

 

Il denaro si muove

Terzo, il socio-emotional learning è un ambiente di notevoli movimenti di denaro. Ci sono molti investimenti in programmi sull’apprendimento socio-emotivo, prodotti edtech basati su di esso e finanziamenti filantropici delle organizzazioni dedicate. Ad esempio, sia la Gates Foundation che l’Iniziativa Chan-Zuckerberg hanno generosamente finanziato alcune delle principali organizzazioni attive nella promozione del socio-emotional learning sopra menzionate. È stato ideato un algoritmo statistico per calcolare il valore economico dell’apprendimento sociale ed emotivo e la previsione di un sostanziale ritorno sull’investimento ha stimolato un settore degli investimenti a impatto molto attivo. I dipartimenti governativi stanno anche finanziandolo attraverso, ad esempio, sovvenzioni per le scuole.

In quanto tale, l’apprendimento socio-emotivo è completamente connesso con meccanismi finanziari che mostrano come la politica dell’istruzione sia diventata inseparabile dalle logiche di mercato. Il denaro fluisce nelle aziende dagli investitori e nelle scuole dai governi e nelle pratiche scolastiche attraverso investimenti a impatto, il che sta facendo sembrare l’apprendimento socio-emotivo praticabile, contribuendo anche alla produzione di “prove” su “ciò che funziona” per un’ulteriore influenza politica. Il benefico “ritorno” sociale di tali apprendimenti sta anche generando un ritorno redditizio per gli investitori, poiché gli investimenti finanziari hanno iniziato a prefigurare l’intervento politico ufficiale.

 

Macchinario politico

Il quarto punto è che è emersa un’enorme industria di prodotti, consulenza e tecnologie connesse alle competenze socio-emotive, che ha consentito alle pratiche di proliferare attraverso le scuole. Le piattaforme edtech, con portata in migliaia di scuole in tutto il mondo, possono anche essere intese come nuovi produttori di conoscenza rilevante per le politiche, generando dati di competenze socio-emotive su larga scala in “tempo reale” e un’ampia base di prove al tipo di scala e velocità che la burocrazia delle organizzazioni internazionali o i dipartimenti statali dell’istruzione non possono eguagliare. Agiscono come relè tra gli obiettivi commerciali dei fornitori edtech negli spazi e nelle pratiche pedagogiche, su scale che superano i confini nazionali o locali dei sistemi educativi.

Potremmo pensare a tali dispositivi edtech come a un meccanismo politico a sé stante. Le competenze socio-emotive stanno guadagnando slancio attraverso le risorse degli insegnanti e i mercati edtech, nonché attraverso il lavoro di consulenti e fornitori di sviluppo professionale in servizio. L’infrastruttura politica di tali apprendimenti è, quindi, popolata da persone che svolgono nuovi tipi di lavoro politico, ma anche da macchine politiche non umane che sono attive nelle pratiche scolastiche e nella quantificazione delle emozioni degli studenti.

 

Politica “glocal”

Quinto, mentre gran parte dell’attività di apprendimento socio-emotivo funziona in modo mobile attraverso i confini nazionali, la sua attuazione dipende anche dalle priorità locali, regionali e nazionali. Nel Regno Unito, ad esempio, il Department for Education si è concentrato sulle “character skills“, in parte per via del patrocinio del Jubilee Centre, finanziato dalla Templeton Foundation. In California, la misurazione della “growth mindset” è legata ai meccanismi di responsabilità scolastica.

Allo stesso tempo, tuttavia, il modo in cui l’apprendimento socio-emotivo viene attuato a livello locale dipende dai mercati globali delle risorse e delle tecnologie disponibili, il che consente a un dispositivo come ClassDojo di partecipare alle classi a livello globale, direttamente attraverso la punta delle dita e le osservazioni degli insegnanti. In quanto tale, l’apprendimento socio-emotivo esemplifica il carattere sempre più “glocal” della politica dell’istruzione, con flussi di influenza transnazionale sulle pratiche locali e le priorità locali che a volte risalgono a livello globale. I prodotti Edtech basate sulle socio-emotional skills provenienti dalla Silicon Valley, ad esempio, viaggiano in tutto il mondo e portano concetti come il “growth mindset”, nata alla Stanford University, nelle scuole a migliaia di chilometri di distanza dalla cultura del self improvement imprenditoriale nel settore tecnologico.

 

Metriche globali

Il sesto e ultimo punto principale riguarda lo sforzo dell’OCSE di creare una metrica globale standardizzata per le competenze socio-emotive. L’OCSE riunisce apertamente psicologia ed economia con il test pensato come un modo per calcolare il contributo delle abilità socio-emotive al “capitale umano”. Strutturato direttamente dall’economista James Heckman e dal teorico della personalità Oliver John, il test dell’OCSE utilizza il metodo dei test di personalità dei Big Five e i calcoli del mercato del lavoro per collegare le qualità socio-emotive degli studenti ai risultati socio-economici quantitativi. In questo modo, il test OCSE mostra come le qualità psicologiche degli studenti sono state “economizzate”.

Il test rappresenta un significativo spostamento del focus per l’OCSE. Come ha affermato Andreas Schleicher dell’OCSE, sta spostando l’enfasi dalle

“capacità di alfabetizzazione e calcolo per l’occupazione, al conferimento a tutti i cittadini delle capacità e dei valori cognitivi, sociali ed emotivi per contribuire al successo del mondo di domani”.

Inoltre, sottolinea sempre più le nuove “scienze dell’apprendimento” che emergono dalla psicologia, dalle neuroscienze e dai campi biomedici. In quanto tale, il test SSES dell’OCSE (di cui abbiamo parlato su questo blog qui) esemplifica il modo in cui gli influencer delle politiche educative si rivolgono sempre più alle scienze umane come fonti di informazioni rilevanti per le politiche per l’istruzione. Nel caso specifico del SSES, ciò implica l’uso del test di personalità come metodo per calcolare la competitività economica e implica che i successivi interventi politici si concentrino sulla modifica delle caratteristiche della personalità degli studenti a vantaggio economico.

 

Governance psicoeconomica

Nel complesso, quello che ho cercato di mostrare nell’articolo è che il campo delle competenze socio-emotive è un campo politico in divenire, che rimane per ora rudimentale e per certi versi incoerente. Possiamo intenderlo come un’infrastruttura politica che viene assemblata da elementi molto differenti e che è focalizzata centralmente sulla produzione di “psicodati“. In effetti, il potenziale di un’infrastruttura politica basata sull’apprendimento socio-emotivo dipende in larga misura dalla creazione dell’infrastruttura dati necessaria per produrre conoscenze rilevanti per le politiche.

In altre parole, la generazione di calcoli psico-economici è al centro dell’attuale interesse della politica internazionale per l’apprendimento socio-emotivo, che si sta già trasmettendo alle pratiche in classe a livello globale, governando le pratiche degli insegnanti e definendo le priorità dei sistemi educativi per essere focalizzato sulla misurazione delle emozioni degli studenti.

 

 

Il post è tratto dal blog di Ben Williamson, accessibile qui in originale.

Send to Kindle

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.