Nei giorni scorsi ha destato un certo scalpore la vicenda del Rettore di Tor Vergata, prof. Giuseppe Novelli. Secondo quanto riferito dal Fatto Quotidiano del 5 marzo scorso, il Rettore ha ricevuto un avviso di chiusura indagini da parte della Procura di Roma per i reati di tentata concussione e istigazione alla corruzione. La vicenda è stata successivamente ripresa anche da Le Iene. Stando alle notizie di stampa tutto nasce dalle denunce sporte da due ricercatori dell’Ateneo, che hanno anche presentato ricorso al TAR avverso lo svolgimento di due procedure ex art. 24 della 240/2010. I denuncianti hanno allegato alla magistratura anche la registrazione di colloqui avvenuti con il Rettore e con il Direttore del Policlinico. In un primo caso il ricorso è stato accolto anche se non è corretto dire – come riportato da organi di stampa – che il ricorso ha effetti travolgenti sulle 57 procedure svolte in ateneo. Al di là del lessico e dei modi del prof. Novelli che, per come essi emergono dalla registrazione, paiono non consoni al suo ruolo istituzionale, vige la presunzione di innocenza. Occorrerà quindi per formulare un giudizio sulla sua condotta attendere l’eventuale rinvio a giudizio e poi la pronuncia del giudice. Tanto più che l’audio della conversazione è stato diffuso solo parzialmente. Il tempo ci chiarirà dunque i fatti. Nel frattempo, segnaliamo il comunicato dell’Ateneo relativo alla recente deliberazione del Senato Accademico.
«IL SENATO all’unanimità esprime al Rettore la massima solidarietà e la piena fiducia nel suo operato. Invita, inoltre, il Rettore a difendere con assoluta determinazione e con il necessario rigore l’immagine dell’Ateneo e ad adottare tutti i provvedimenti indispensabili per la sua tutela, avviando le opportune iniziative in ogni sede, non esclusa quella penale, nei confronti di chiunque abbia inteso, a vario titolo, denigrare e diffamare l’Ateneo». Riproduciamo quanto pubblicato sulla home page dell’Università di Roma Tor Vergata dove è riportato l’estratto dal Verbale della riunione del Senato Accademico del 21 marzo 2017, con invito agli Uffici e agli «organi competenti dell’Ateneo a volere assicurare la massima diffusione e divulgazione al presente voto».

Send to Kindle

1 commento

Comments are closed.