Il processo di contrazione del corpo docente accademico è proceduto con accentuati caratteri selettivi tra le diverse aree scientifiche. Gli effetti del combinato tra  i tagli all’Università e il nuovo sistema di scorrimento delle carriere  (ASN) stanno riservando all’insegnamento della Storia moderna un destino molto lineare. Se infatti la diminuzione degli storici dell’età moderna strutturati continuerà con il ritmo degli ultimi otto anni nel 2031 non ci sarà più un docente o un ricercatore di questa disciplina. Fine. Stop. L’unica consolazione (?) consiste nel fatto che medesima sorte toccherà a molti altri settori scientifico-disciplinari, specialmente umanistici.

Gli effetti del combinato tra i tagli all’Università e il nuovo sistema di scorrimento delle carriere del professorato (ASN) possono essere considerati meno superficialmente focalizzando lo sguardo su un singolo settore di ricerca e insegnamento, la Storia moderna (M-STO/02).

La Storia moderna è un campo tradizionale degli studi umanistici, che ha nel nostro Paese una lunga tradizione che si rifà ai nomi di Delio Cantimori, Franco Venturi, Marino Berengo, Adriano Prosperi e tanti altri. Nell’assetto didattico tradizionale essa costituiva uno degli assi fondamentali di tutte lauree umanistiche, comprese le Scienze della Formazione, con una presenza consolidata anche nei corsi di Scienze politiche. A livello internazionale la Storia moderna continua ad avere una presenza forte, anche sotto il profilo culturale: nei Paesi anglossasoni, ad esempio, i sempre richiestissimi Renaissance Studies sono imperniati sulla storia europea della prima età moderna mentre in Francia la storia della Rivoluzione francese occupa da sempre un posto fondamentale nella formazione di una cittadinanza attiva.

Con il pragmatismo tipico italiano, nella nostra università si sta riservando all’insegnamento della Storia moderna un destino molto più lineare. Se infatti la diminuzione degli storici dell’età moderna strutturati continuerà con il ritmo degli ultimi otto anni, il problema sarà presto risolto: nel 2031 non ci sarà più un docente o un ricercatore di questa disciplina. Fine. Stop. L’unica consolazione consiste nel fatto che medesima sorte toccherà a molti altri settori scientifico-disciplinari, specialmente umanistici.

 

  1. Lo stato delle anime

Dopo la metà degli anni 2000 si è toccato l’apice della numerosità del corpo docente accademico italiano (62.000 unità nel 2007 e 62.783 nel 2009), in sincronia con l’aumento, avvenuto negli anni precedenti, delle immatricolazioni e del numero di iscritti. Per i fin troppo noti motivi, negli anni successivi la tendenza alla lenta crescita sia del corpo professorale che di quello studentesco si è invertita, con gli effetti di un generale ridimensionamento del sistema-università.

Per quanto riguarda la Storia moderna, se tra il 2002 e il 2008 il numero di ricercatori e docenti di M-STO/02 era rimasto grossomodo costante, arrivando a contare nel 2007 370 strutturati, da questa data ad oggi la perdita è stata di 121 unità, cioè del 32,7%. Tale perdita si differenzia tra le varie categorie della docenza: se, come era prevedibile, per questioni anagrafiche è stata ampia tra gli ordinari (-33%), è stata meno accentuata tra gli associati (-23%), anche per gli effetti delle più recenti politiche di scorrimento delle carriere. La diminuzione è stata invece considerevole tra i ricercatori, ridottisi in 8 anni del 41%. Il blocco pressoché totale del turnover per il periodo di otto anni ha così vanificato uno degli effetti auspicati al tempo dell’introduzione della L. 240/2010, cioè la creazione di una piramide del professorato composta da una base larga di ricercatori e da un vertice aguzzo di ordinari[1].

 

Tab. 1 – Personale docente e ricercatore del SSD M-STO/02 nell’Università italiana

PO PA R RTD Tot
2002 92 111 155 358
2003 103 108 140 351
2004 107 111 134 352
2005 107 127 122 1 357
2006 112 131 121 1 365
2007 116 126 125 3 370
2008 113 117 124 3 357
2009 108 107 123 3 341
2010 96 99 113 6 314
2011 94 98 101 6 299
2012 88 96 91 9 284
2013 86 94 87 13 280
2014 80 98 74 13 265
2015 77 97 58 17 249

 

Nota: PO = compresi Prof. straordinari e straordinari a tempo determinato.

Fonte: www.cercauniversita.cineca.it. I dati, aggiornati al 31.12.2015, possono presentare delle oscillazioni derivanti dalle modalità con cui si interroga il motore di ricerca.

 

 

Graf. 1 – Personale docente e ricercatore del SSD M-STO/02 nell’Università italiana

12

Ci si potrebbe chiedere se la diminuzione del numero degli storici dell’età moderna non sia in realtà un semplice adeguamento alla decrescita del numero degli studenti iscritti ai corsi di studio nei quali questo insegnamento è impartito. Se si prendono come riferimento gli a.a. 2007-8 e 2013-4 (l’ultimo per cui l’Ufficio Statistica del MIUR presenta dati disaggregati per gruppo di classi di lauree), il calo degli iscritti ai corsi letterari, linguistici, di formazione e politico-sociali è stato in realtà “solo” del 17,4%, a fronte di una flessione generale degli iscritti all’università italiana del 7,3%.

Ma torniamo ai docenti e ai ricercatori di Storia moderna. Può essere interessante verificare se la contrazione ha avuto incidenza diversa nelle diverse aree del Paese. I dati non mostrano in realtà spostamenti di rilievo, soprattutto se si tiene conto che le università del nord ha acquisito negli ultimi anni un consistente vantaggio in termini di studenti e di risorse per il reclutamento.

 

Tab. 2 – Docenti e ricercatori di Storia moderna divisi per area geografica, 2007 e 2015

Nord Centro Sud e isole Tot.
2007 146 39,5% 101 27,3% 123 33,2% 370 100%
2015 97 39,9% 56 22,5% 96 38,6% 249 100%

Fonte: vedi Tab. 1

 

Chi piange, chi ride

Più interessante è invece paragonare la parabola degli studiosi di Storia moderna con quella di altre discipline scientifiche. Ora che è possibile disporre di dati distribuiti lungo un arco di tempo di una certa ampiezza, il processo di contrazione del corpo docente accademico mostra con evidenza come sia proceduto con accentuati caratteri selettivi tra le diverse aree scientifiche (“aree CUN”).

 

Graf. 3 – Diminuzione % tra 2007 e 2015 del personale docente e ricercatore (inclusi Ricercatori a tempo determinato) per area CUN

 

3

Se il corpo docente e ricercatore è diminuito in questi otto anni in media del 12,0%, ci sono stati settori nei quali questo calo è stato dell’ordine di un quinto degli strutturati, come le Scienze della terra (Area CUN 4), aree come Scienze giuridiche (Area 12) e Scienze sociali (Area 14) dove la riduzione è stata solo dell’ordine di qualche punto percentuale, e aree infine che sono riuscite a rimanere indenni, come quella economica, se non addirittura ad aumentare i propri organici (Ingegneria industriale e dell’informazione, Area 9).

Senza dubbio alla radice di tali disparità vi sono alcune macro-trasformazioni in corso nella società e nel mondo della produzione, per cui probabilmente “servono” oggigiorno molti più addetti nella finanza e nella gestione industriale che chimici, letterati o geologi (quest’ultimi, soprattutto, come si sa, non hanno quasi nulla da fare in Italia). Senza entrare nell’argomento, che meriterebbe ampio spazio, due ulteriori riflessioni sono tuttavia funzionali al nostro discorso.

In primo luogo tali differenze sono soprattutto dovute al fatto che alcune aree scientifiche hanno saputo (e potuto) più degli altri usufruire della nuova figura di ricercatore a tempo determinato. Negli ultimi anni le università hanno infatti destinato risorse irrisorie per l’aumento degli organici e solo le aree più efficacemente legate a i settori più produttivi e gli atenei delle regioni più ricche sono riusciti ad acquisire finanziamenti esterni da investire in nuovi ricercatori di tipo A o B. Non è dunque un caso che dal 2007 al 2015 solo gli ingegneri (Area 9), gli economisti (Area 13) e i sociologi (Area 14) siano riusciti ad aumentare il numero complessivo dei loro ricercatori, mentre tutte le altre aree hanno visto ridursi gli organici del primo livello di carriera. Negli anni della crisi globale, contrassegnata in Italia da ripetute manovre di riduzione della spesa pubblica, sono risultati penalizzati soprattutto gli ambiti che fanno ricerca di base non applicativa, o che dipendono dai finanziamenti pubblici, di fondazione bancarie, istituzioni culturali ecc.

La seconda ipotesi, meno “buona” della precedente, invita invece a riflettere come, negli organi di governo degli atenei, ingegneri, economisti e giuristi non manchino mai, anzi spesso ricoprano le cariche più importanti. Senza nessuna allusione, è forse il caso di osservare che sono ingegneri il Presidente della Crui nonché due degli ultimi tre Ministri dell’istruzione, dell’università e della ricerca (oltre al Rettore dell’università di chi scrive ;-)).

Infine, anche le nuove forme di finanziamento della ricerca tendono a privilegiare alcune aree scientifiche rispetto ad altre. I bandi competitivi (anche quelli nazionali) sono infatti costruiti sul modello organizzativo del lavoro d’equipe, che non appartiene tradizionalmente e non si confà a molte aree umanistiche, nelle quali il lavoro di ricerca è sostanzialmente individuale. Con la riduzione dei budget degli atenei e la scomparsa quasi totale dei fondi d’ateneo per la ricerca individuale moltissimi studiosi si ritrovano così in grande difficoltà a fare ricerca e nell’impossibilità di reperire fondi per finanziare ricercatori a tempo determinato.

 

Non tutti gli umanisti sono eguali

Poiché i dati a disposizione hanno acquisito una certa consistenza, è interessante osservare la curva del personale docente e ricercatore anche all’interno di una stessa area scientifica, nello specifico l’area 11, le Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche.

Tab. 3 – Macrosettori dell’area CUN 11. Diminuzione percentuale tra il 2007 e il 2015 del personale docente e ricercatore

Discipline storiche -27,8%
Filosofia -22,1%
Geografia -21,5%
Psicologia 3,9%
Pedagogia 7,7%

Fonte: vedi tab. 5 in Appendice.

All’interno della stessa area 11, infatti, vi è stata una differenza sostanziale tra i due macrosettori della Psicologia e della Pedagogia che hanno addirittura incrementato i propri organici, e quanto invece è accaduto a storici, filosofi e geografi che hanno patito a fondo le ristrutturazioni attraversate. Anche in questo caso si possono individuare motivazioni generali e altre più specifiche: alcune discipline, Psicobiologia e psicologia fisiologica per fare un esempio, sono in piena fase espansiva e attraggono dunque consistenti finanziamenti; con l’assegnazione all’università del sistema di formazione degli insegnanti (ex-Siss, ora TFA e suoi eredi) è aumentato il carico didattico degli insegnamenti pedagogici; con la trasformazione degli ISEF in lauree in Scienze motorie, sono anche aumentati gli organici di docenti e ricercatori nei SSD M-EDF.

Se si separano i settori storici, filosofici e geografici (che comprendono anche l’antropologia) dalla pedagogia e la psicologia, che come si vede hanno in realtà un movimento del tutto diverso, il saldo dei primi tre settori è in realtà del -25%: un quarto secco di perdite in otto anni.

Conclusioni

Le scienze applicative e quelle con le maggiori possibilità di relazione con il mondo dell’impresa e della finanza hanno risentito meno dei tagli degli ultimi anni, in alcuni casi uscendo addirittura rafforzati dal blocco del turnover. Le scienze di base, le discipline che dipendono da finanziamenti pubblici o che genericamente sono intese come “poco spendibili” in termini di immediata realizzazione professionale sono state invece colpite severamente. Parlare genericamente di “riduzione del personale accademico”, alla luce di tali differenze, non ha molto senso.

Tra le discipline che hanno risentito maggiormente dei cambiamenti in corso la Storia moderna fa registrare un tasso di estinzione eccezionalmente elevato. Disciplina per sua stessa natura formativa, in quanto dedicata ad un periodo storico nel quale si formano molti dei caratteri alla base della società attuale, essa tende a perdere posizioni in ogni ambito. Con la riforma dei curricula della scuola primaria, dove si insegna a insegnare solo storia antica, essa è sistematicamente espunta dai corsi di laurea in Scienze della formazione. Nei corsi di laurea in Scienze politiche e delle relazioni internazionali L-36, poi, non è più un insegnamento di base (come è Storia contemporanea) ed è normalmente previsto in alternativa a Storia delle relazioni internazionali. Anche qui è stata progressivamente eliminata.

La decurtazione a cui è stata sottoposta la Storia moderna, assieme a tutta una serie di insegnamenti umanistici, è un pessimo segnale. Il patrimonio culturale di un Paese non si sostiene solo arredando caffetterie nei musei o vendendo biglietti online.

 

Appendice

Tab. 4 – Personale docente e ricercatore (inclusi i Ricercatori a tempo determinato) per area CUN, 2007 e 2015

Area Cun  2007 2015
1 MAT-INF 3425 3005 -12,2
2 FIS 2616 2143 -18
3 CHI 3308 2794 -15,5
4 GEO 1269 1008 -20,5
5 BIO 5343 4629 -13,3
6 MED 11247 9120 -18,9
7 AGR-VET 3285 2937 -10,5
8 ARCH 3901 3357 -13,9
9 ING 5170 5281 2,1
10 LETT-ARTE 5955 4811 -19,2
11 STO-FIL 5246 4516 -13,9
12 IUS 4956 4676 -5,6
13 ECON 4766 4763 -0,06
14 SOCIO 1729 1676 -3
Totale 62216 54716 -12

Fonte: vedi Tab. 1

 

Tab. 5 – Personale strutturato degli SSD dell’Area CUN 11, 2007 e 2015

SSD del’Area Cun 11 2007 2015 Var. %
M-DEA/01 DISCIPLINE DEMOETNOANTROPOLOGICHE 207 155 -25,1
M-EDF/01 METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ MOTORIE 52 79 51,9
M-EDF/02 METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE 61 91 49,1
M-FIL/01 FILOSOFIA TEORETICA 200 151 -24,5
M-FIL/02 LOGICA E FILOSOFIA DELLA SCIENZA 109 99 -9,1
M-FIL/03 FILOSOFIA MORALE 235 168 -28,5
M-FIL/04 ESTETICA 108 77 -28,7
M-FIL/05 FILOSOFIA E TEORIA DEI LINGUAGGI 106 120 14,1
M-FIL/06 STORIA DELLA FILOSOFIA 309 207 -33
M-FIL/07 STORIA DELLA FILOSOFIA ANTICA 57 47 -17,5
M-FIL/08 STORIA DELLA FILOSOFIA MEDIEVALE 49 43 -12,2
M-GGR/01 GEOGRAFIA 250 182 -27,2
M-GGR/02 GEOGRAFIA ECONOMICO-POLITICA 150 132 -12
M-PED/01 PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE 313 295 -5,7
M-PED/02 STORIA DELLA PEDAGOGIA 99 84 -15,1
M-PED/03 DIDATTICA E PEDAGOGIA SPECIALE 162 180 11,1
M-PED/04 PEDAGOGIA SPERIMENTALE 64 80 25
M-PSI/01 PSICOLOGIA GENERALE 290 278 -4,1
M-PSI/02 PSICOBIOLOGIA E PSICOLOGIA FISIOLOGICA 109 144 32,1
M-PSI/03 PSICOMETRIA 68 75 10,2
M-PSI/04 PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E PSICOLOGIA DELL’EDUCAZIONE 192 187 -2,6
M-PSI/05 PSICOLOGIA SOCIALE 163 176 8,5
M-PSI/06 PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI 79 90 13,9
M-PSI/07 PSICOLOGIA DINAMICA 120 112 -6,6
M-PSI/08 PSICOLOGIA CLINICA 163 168 3
M-STO/01 STORIA MEDIEVALE 234 165 -29,4
M-STO/02 STORIA MODERNA 370 249 -32,7
M-STO/03 STORIA DELL’EUROPA ORIENTALE 41 31 -24,3
M-STO/04 STORIA CONTEMPORANEA 524 392 -25,1
M-STO/05 STORIA DELLA SCIENZA E DELLE TECNICHE 69 52 -24,6
M-STO/06 STORIA DELLE RELIGIONI 37 25 -32,4
M-STO/07 STORIA DEL CRISTIANESIMO E DELLE CHIESE 85 58 -31,7
M-STO/08 ARCHIVISTICA, BIBLIOGRAFIA E BIBLIOTECONOMIA 94 73 -22,3
M-STO/09 PALEOGRAFIA 77 54 -29,8
Totale 5246 4519 -13,8

Fonte: vedi Tab. 1

 

 

[1] Cfr. a riguardo CUN, Reclutamento universitario. Una proposta per uscire dall’emergenza, Appendice A, Il reclutamento dei docenti in Italia dal 2007 al 2013, p. 14.

Send to Kindle

13 Commenti

  1. Ottimo Zannini e grazie… La represssione culturale, lo spregio per il pensiero pluralista si manifesta in Turchia secondo gli stili locali: Erdogan, in Italia secondo gli stili pure locali (Berlusca e Berlusca.2 -Renzi-). La repressione contro la cultura universitaria pubblica e pluralista (la multidiversitas) si è sviluppataa negli ultimi anni sulla base di due parole d’ordine: Berlusca universitari tutti comunisti, Berlusca.2 parentopoli (come se le altre categorie medici, magistrati etc. fossero immuni). Poi con le famose riforme, merotocrazia (da applicare sempre agli altri) etc. Una montagna di fango guidata da ideologi di stampo bocconiano e luissiano ortodossi neoliberisti (ecco perchè il settore 13 tiene). Hanno buttato via il bambino con l’acqua sporca. E non è finita attendiamoci una nuova riforma renziana…La cosa penosa è che noi non abbiamo nemmeno la forza di esprimerci collettivamente come i colleghi turchi. Non succederà, ma mettiamoci tutti una fascia gialla al braccio in sego di lutto per la morte dell’università pluralista, multideversa, per la richiesta di dimissioni della Giannini (nulla contro la persona sia chiaro). La stessa categoria alla quale appartiene il ministro la disconosce come atto di dispregio nei confronti degli ultimi governi..un sogno il mio? o meglio un delirio!? 🙂 Grazie a roars e a tutto quello che sta facendo…

  2. Secondo le nostre catalogazioni non sono uno storico ‘moderno’, ma economico. Alla storia moderna sono stato, però, sempre affezionato e per altro questo destino, con dinamiche diverse, è pure proprio della storia in cui sono ‘catalogato’; per questo mi permetto di intervenire – nuovamente – sul declino dei saperi storici. Tale declino si inserisce in un generale declassamento e marginalizzazione e precarizzazione del sistema universitario. Proprio in questi giorni scopriamo che fare ricerca è un hobby forse, nei saperi umanistici, adatto a qualche ricco gentiluomo romantico. Inutile precisare questo processo di declassamento, tanto è già stato detto. In questo quadro poi si inserisce il più ampio declassamento dei saperi storici e umanistici. Anche su questo si è detto molto ed è su un altro piccolo particolare che vorrei attirare l’attenzione. Il declassamento è avvenuto in un contesto in cui gran parte del corpo docente ha preferito fare come gli struzzi, guardare altrove, fare altro, sperare che passasse la nottata, non disturbare, se non addirittura, sperare di cavarsela continuando a riproporre strategia accademiche un po’ stantie e non più adatte ai tempi o magari cercare di cavalcare l’onda (non nel senso della protesta degli studenti, che allora si era in pochini). Tutte pratiche rese vane dallo stesso inaridirsi delle risorse. Spesso non facendosi carico delle proprie responsabilità ad iniziare da quelle verso le generazioni di giovani studiosi, che vedono drammaticamente frustrate le proprie aspettative. E neppure le responsabilità verso la propria disciplina che rischia di vedere, sempre drammaticamente, interrompere il processo di trasmissione del sapere. Ovviamente non tutto il mondo accademico; quanto sta accadendo è stato più volte annunciato, anche in questo rivista, a volte urlato. Voci contrarie si sono alzate, ma non è che siano mai diventate terreno comune. Anzi, forse proprio nei saperi umanistici le voci contrarie sono state le più flebili. Una deresponsabilizzazione, poi, acuita dalla rinuncia ai compiti di verifica propri di ogni sapere che si è accettato venissero affidati a istanze poste al di fuori, con le conseguenze che tutti vediamo. Difficile che un sapere che rinuncia ai suoi compiti di validazione del sapere stesso – e quindi in cui tutto va bene – possa avere rilevanza. Ora, quindi, penso che non si possa sperare che la ‘salvezza’ venga da fuori e nello stesso tempo credo che sia fondamentale per la società stessa la salvaguardia di saperi storici rilevanti; un ruolo della storia che va ben oltre alle anguste dinamiche accademiche. Quindi credo che, il rilancio e la ricerca di un senso del nostro sapere debba passare da noi, dall’assunzione di responsabilità e da un’analisi attenta del modo in cui si è stati in università, forse ascoltando un po’ di più quelle voci che scarsa attenzione hanno avuto. Non vedo altra strada. O possediamo e mobilitiamo gli anticorpi al declino, oppure siamo destinati al ‘rinsecchimento’. Solo un simile ‘salto di qualità’ può aprire strade e futuro, anche per le giovani generazioni di studiosi. Devo dire che, però, le speranze sono poche. Mi è capitato di scriverlo già, anche su un giornale, e quindi lo ripeto, tanto le ingiurie l’ho già prese. Vedere un corpo accademico che, in gran parte anche cambiando idea rispetto al passato, accusa la VQR di ogni possibile male, ma poi, in parte, si dichiara disposto ad accoglierla in cambio degli scatti stipendiali non mi pare un gran viatico. Non perché le richieste sugli scatti non siano legittime, ma non si può scambiare un diritto con l’accettazione di un qualcosa che si ritiene errato. Perché non da molte speranze non vedere scelte le priorità in modo da salvaguardare l’università, non vedere nascere come terreno comune una battaglia contro le politiche universitarie errate in quanto errate, contro le politiche di reclutamento, i tagli, la sottrazione di futuro ai giovani. Mi è dispiaciuto non vedere l’università protestare tutta per il modo con i precari sono trattati. Sono convinto – ma lo dico da anni – che le discipline storiche avranno un futuro nella misura in cui saranno in grado di affrontare tutto questo a partire da sé e alla ricerca del proprio senso.

  3. Gentilissimo,
    ci vogliono distruggere. Tutto ciò che non è commercializzabile non deve esistere. Avrebbero eliminato Omero perché scriveva inutile poesia e ci avrebbero provato con Newton ed Einstein, in quanto troppo teorici. Non concepiscono il progresso come crescita intellettuale dei popoli. La storia gli dà fastidio: vivono nel culto della contemporaneità, apoteosi dell’essere disumano tecnologizzato e privo di qualsiasi spessore (eccetto quello della carta di credito). C’è da dire che molti nostri colleghi e quasi tutti i rettori hanno attivamente collaborato a realizzare questi disvalori imperanti.

    • Vero. Questa è l’aria che si respira in Italia, viaggio molto e devo dire che negli altri paesi si respira un aria diversa, anche negli atenei americani, che dovrebbero essere la culla del mercato.

  4. Carissimi. condivido in pieno le analisi generali.

    Per quanto riguarda ” con la trasformazione degli ISEF in lauree in Scienze motorie, sono anche aumentati gli organici di docenti e ricercatori nei SSD M-EDF”.

    Questo aumento degli organici è avvenuto principalmente , nel caso degli ordinari, per il passaggio da altri settori, principalmente BIO . Altrimenti non si arrivava ai 20 ordinari per fare il settore nuovo 06/N2. Questo perchè negli anni non sono stati fatti nuovi ordinari e si è arrivati a fine corsa. Restavano due possibilità: o chiudere i corsi di laurea in scienze motorie per mancanza di docenti nelle materie caratterizzanti, ma non si può perchè la domanda è forte, oppure creare un settore nuovo, cooptando ordinari da altri settori.

    L’anomalia è che i settori M-edf01 e 02, rientrano nell’area 11. Quindi nella ultima VQR (alla quale io comunque non partecipo) i nostri lavori sono stati valutati con i criteri di area 11, non bibliometrici. Mentre fino all’anno scorso erano valutati bibliometrici, e perciò nessuno di noi è passato nelle fascie superiori all’ ASN.

    Cordiali Saluti.

  5. chiaro che ora come ora bisogna salvare il salvabile.
    Prima cosa, un’opposizione dura (sui tetti) alla riforma renziana appoggiata dai rettori che CERTAMENTE verrà per depubblicizzare i nuovi “assunti”.
    Non fate come con la Gelmini.
    Venite con noi sui tetti a lanciare lavatrici.

  6. ps ma come si fa a considerare strutturati i ric. TD?

    comunque non vi preoccupate, post Renzi il reclutamento aumenterà del 200%, come con i lavoratori dopo il jobs act. Anche il giornalista locale che verrà a fare il corso di storia moderna sarà considerato strutturato e messo nei database cineca.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.