Classifiche internazionali / Finanziamento / Multimedia

“Sorpassati anche dai turchi”? La verità sull’università italiana.

L’università italiana? Costosa e sprecona: un vero “sacco bucato”. Troppi atenei, troppi laureati, troppi ricercatori che non hanno un ruolo significativo nel panorama mondiale. Ma è vero? Dodici minuti di fact-checking basato sulle statistiche internazionali.

___________

Intervento di Giuseppe De Nicolao al Convegno “+ Sapere = Sviluppo”
organizzato da Left (12 febbraio 2013, Teatro Piccolo Eliseo – Roma)

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=fvA3YHH3IJQ]

___________

Le slides dell’intervento:

Send to Kindle
Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

5 Comments

  1. indrani maitravaruni says:

    Ottimo!
    Grazie per il lavoro che fate.
    Mette tra l’altro in evidenza come questa cordata di prezzolati contro l’università realizzi per tappe un piano preciso e ben orchestrato.

  2. Pingback: Sorpassati anche dai turchi? La verità sull’università italiana. | ricercatoripolito

  3. Leopoldo Bon says:

    La situazione Universitaria Italiana è di livello infimo. L’Università è stata ritenuta sempre o perlomeno dal 1965 un ente inutile. Ciò è in linea con le politiche di questo paese: scuola annullata, ricerca annullata, giustizia inesistente, sanità vacillante……
    L ‘inizio della fine dell’istituzione universitaria è cominciata con la legge Dalema 3+2 per continuare e finirla definitivamente con la Gelmini.
    Ma cosa abbiamo fatto come professori universitari, Rettori…nulla di realmente concreto! È causa nostra! Una parte che svolge la libera professione gli bastava il titolo di prof per aumentare il prestigio e le parcelle, gli altri vivevano nella torre eburnea. I rettori finito il loro mandato si vendevano al miglior offerente per entrare nelle varie compartecipate regionali o comunali, e questo la dice lunga del perché siamo finiti nel letame!

    • Giuseppe De Nicolao says:

      Mi sembra un commento un po’ generico che mescola qualche elemento di verità (per es. la scarsa attenzione al ruolo della formazione e della ricerca) con una buona dose di luoghi comuni. Ci sono una serie di dati quantitativi (verificabili) relativi al numero di università per milione di abitanti, al numero di professori per studente, alla percentuale di ricercatori universitari sugli occupati, al livello della ricerca scientifica, al costo medio per studente e all’efficienza della ricerca (spesa per pubblicazione e per citazione). Difficile fare passi avanti se non si passa ad un’analisi documentata. Qualche dato è stato riportato anche su ROARS, si veda
      https://www.roars.it/online/sorpassati-anche-dai-turchi-la-verita-sulluniversita-italiana/

  4. Pingback: Caro presidente Letta, anche lei sottovaluta università e ricerca? | Io Non Faccio Niente

Leave a Reply

Sostieni ROARS

Sostieni ROARS