Il 21 novembre a Bologna si è tenuta una giornata (Programma) dedicata alla valutazione della ricerca coordinato da Dario Braga.

Nella prima parte del mio intervento ho proposto ai presenti di mettersi nei panni di un rettore che voglia scalare le classifiche internazionali, mostrando che si tratta di una impresa che non richiede di migliorare né la didattica né la ricerca di Ateneo. Nella seconda parte, dopo aver mostrato che  ANVUR con la VQR non ha fatto classifiche, ma solo “graduatorie”, ho discusso le distorsioni più evidente di quelle graduatorie. Ed ho suggerito alcuni interventi di policy per migliorare i risultati nella prossima VQR tra cui: 1. eliminre i ricercatori senza pubblicazioni inserendoli tra gli autori di paper scritti da altri membri dell’ateneo,  2. adottare strategie di citazione reciproca, 3. diventare publisher di riviste con impact factor. Infine ho più seriamente mostrato come ridurre i danni della valutazione, soffermandomi su DORA e sul tema della salvaguardia del pluralismo della ricerca.

[slideshare id=42430404&doc=valutazioneefinanziamentounibo-141206165846-conversion-gate02]

Send to Kindle

5 Commenti

  1. Alberto Baccini muove i primi passi verso il futuro di Roars: diventare un’agenzia di consulting a cui ti rivolgi per scalare le classifiche e primeggiare nella competizione della valutazione. D’altronde, le classifiche farlocche e la bibliometria d’accatto per noi non hanno segreti. Per qualche miglialo di Euro porteremo i vostri atenei sugli altari. La meritocrazia è anche un business.

    “Mai più ultimo nei ranking. Metti un Roars nel tuo motore”

    potrebbe essere il nostro slogan.

    https://www.youtube.com/watch?v=Vfe50ayBNoA

  2. Vuoi migliorare anche tu la tua VQR? Elimina i ricercatori senza pubblicazioni!
    Allegato al tuo manuale “VQR for dummies – Tutto quello che avreste voluto sapere sulla più grande valutazione della ricerca di tutti i tempi ma non avete mai osato chiedere” troverai un fucile a canne mozze, il migliore per impallinare ricercatori imboscati.
    Non darai solo una botta alla tua VQR, ma libererai punti organico senza aspettare che Babbo Natale riporti il turn over al 100%.
    Inizia subito, prima che i tagli non lascino più nulla da valutare! La tua VQR ha bisogno di te e della tua mira.
    .
    😉 buon Natale a tutti

    • C’è un’altra soluzione meno cruenta che si chiama: “adotta un fannullone” e consiste nell’offrire delle authorship di cortesia ai colleghi che erano stati penalizzati perché non avevano presentato almeno tre lavori nella VQR 2004-2010.

    • Eheheh…:-)
      Sì, certo c’è anche quella opzione nella sezione “Tricks&Tactics” del manuale, ma non dà punti organico.
      Si può sempre votare in dipartimento.
      Invece nel manuale “International Rankings for dummies” per l’Italia c’è “rapisci un ricercatore molto citato”. “Rapisci” perché se gli dici quanto gli dai rispetto a King Abdulaziz quello non ci viene.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.