Il TAR Lazio si pronuncia nuovamente sulle liste di riviste censurando l’operato di ANVUR.

REPUBBLICA ITALIANA

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio

(Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 11241 del 2012, proposto da:

 

Il Lavoro nella Giurisprudenza Ed. Ipsoa Milano, Quaderni di Diritto del Lavoro e delle Relazioni Industriali ed Utet Torino, Il Diritto del Mercato del Lavoro ed Esi-Ed Scientifiche Italiane Napoli, Rivista del Diritto della Sicurezza Sociale ed il Mulino Bologna, in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, rappresentati e difesi dagli avv. Michele Miscione, Fulvio Zardo, con domicilio eletto presso lo studio del secondo in Roma, via C. Mirabello, 17;

contro

ANVUR – Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca, Ministero dell’Istruzione dell’Universita’ e della Ricerca, in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, rappresentati e difesi per legge dall’ Avvocatura Dello Stato, domiciliati in Roma, via dei Portoghesi, 12;

per l’annullamento

previa sospensione dell’efficacia,

– degli atti ANVUR del 7/11/2012 e del 26/7/2012 – eliminazione dalla classe “A” delle riviste ‘il lavoro nella giurisprudenza”, “il diritto del mercato del lavoro”, “quaderni di diritto del lavoro e delle relazioni industriali” e “rivista del diritto della sicurezza sociale”

 

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di ANVUR – Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca e di Ministero dell’Istruzione dell’Universita’ e della Ricerca;

Vista la domanda di sospensione dell’esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dalla parte ricorrente;

Visto l’art. 55 cod. proc. amm.;

Visti tutti gli atti della causa;

Ritenuta la propria giurisdizione e competenza;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 17 aprile 2013 il Cons. Daniele Dongiovanni e uditi per le parti i difensori come specificato nel verbale;

 

Considerato che sussistono i presupposti per l’accoglimento della domanda cautelare ai fini del riesame da parte dell’ANVUR degli atti impugnati, riesame che l’Agenzia resistente dovrà condurre sulla base delle censure contenute nel ricorso in esame ed, in particolare, in relazione alle circostanze che l’AIDLASS (associazione italiana diritto lavoro) ha espresso parere favorevole all’inserimento delle riviste di che trattasi nell’elenco A e che il gruppo GEV 12 ha affermato che l’elenco non è affidabile alla luce degli indicatori del DM 76/2012 (rigore delle revisioni, giudizio della comunità scientifica e diffusione delle riviste) nel senso che i primi due indicatori non sono stati verificati appieno e la verifica sul terzo non è stata completata;

– che l’ANVUR dovrà svolgere il predetto riesame entro 45 gg. dalla comunicazione in via amministrativa della presente ordinanza ovvero dalla notifica, se antecedente;

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) accoglie la domanda cautelare ai fini del riesame nei sensi di cui in motivazione.

Ordina ad ANVUR di svolgere il predetto riesame, previo contraddittorio con i ricorrenti, entro 45 gg. dalla comunicazione in via amministrativa della presente ordinanza ovvero dalla notifica, se antecedente.

Fissa, per la definizione del merito, l’udienza pubblica del 16 ottobre 2013.

Spese compensate.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria del tribunale che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 17 aprile 2013 con l’intervento dei magistrati:

Franco Bianchi, Presidente

Daniele Dongiovanni, Consigliere, Estensore

Ivo Correale, Consigliere

 

 

L’ESTENSORE

IL PRESIDENTE

 

 

 

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 19/04/2013

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

 

Send to Kindle

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.