La settimana ROARS:

20 – 26 giugno 2016.

Una rapida sintesi dei contributi pubblicati
nel corso della settimana appena conclusa.

«L’interesse di tutte le classi dominanti che vogliono difendere il proprio privilegio, è quello di avvilire la cultura, […] dicendo che a nulla vale, che meglio fare il pizzaiolo che laurearsi, affermando che scuola e università garantiscono solo disoccupazione, facendo credere che la causa di tutto siano le “humanities”, perché è necessario evitare lo sviluppo del pensiero critico, alternativo, impedire la consapevolezza del passato e il senso della storicità». La recensione del libro di Davide Miccione, “Lumpen Italia. Il trionfo del sottoproletariato cognitivo” offre a Francesco Coniglione l’occasione per riflettere sulle rovine culturali italiane (Rovine culturali: l’Italia del sottoproletariato cognitivo). Rimanendo in tema di “humanities”, Walter Lapini replica a Luca Serianni, secondo il quale nello studio del Latino la quarta e la quinta declinazione «potrebbero essere tralasciate» (Tre declinazioni possono bastare). Qualche mese fa la redazione di Roars ha posto dieci domande alla governance di IIT. Non avendo mai ricevuto risposta, le riproponiamo (Le domande di Roars e le risposte senza ratio di IIT). La settimana scorsa avevamo pubblicato una formula, basata su pochi semplici parametri, capace di valutare in modo oggettivo ogni ricercatore, giovane o vecchio che sia. La “formula universale” ha il pregio di ammettere una soluzione esplicita che è finalmente ora di rendere pubblica (Valutazione della ricerca: questo è l’algoritmo affidabile. Ecco la soluzione). Il CINECA continua a commettere errori nei servizi forniti dietro lauto pagamento, si rifiuta di correggere i suoi errori e, per finire in gloria, pretende di lucrarvi sopra (Ed ora il CINECA vuole anche lucrare sui suoi errori). Pubblichiamo il parere reso dal CUN a proposito dello schema di decreto relativo all’FFO per l’anno 2016 (Parere CUN sull’FFO 2016). Segnaliamo infine uno scritto di Carla Barbati sul riordino degli studi giuridici, apparso sul Giornale di Diritto Amministrativo (Il riordino degli studi giuridici).

 

 

Se lo desiderate, potete sostenerci, basta una carta di credito.
Renderemo noti alla fine di ogni anno il numero dei donatori, l’ammontare delle donazioni e l’uso dei fondi ricevuti.

GRAZIE


Ricordiamo ai lettori la call for papers di RT, a Journal on Research Policy and Evaluation.

Send to Kindle

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.