Trattata come il Ciuco di Melesecche, protagonista di una storiella per bambini del poeta toscano Renato Fucini pubblicata nel 1922, la ricerca italiana negli ultimi anni ha, nondimeno, saputo caricarsi “some da slombare un manzo”. Lo certifica Nature. Ma, senza un cambio di rotta duraturo e sistemico, che a questo punto sarà in mano al governo che verrà, l’inevitabile epilogo del ciuco da fatica – avverte Renato Torre – potrebbe non tardare a realizzarsi.

da: “Italian election leaves science out in the cold” Nature 554, 411-412 (2018)

IL CIUCO DI MELESECCHE

– Povero me, povera la mia famiglia! – gridava singhiozzando Melesecche sul corpo allampanato del suo ciuco che giaceva stecchito attraverso alla stalla.

– Che ho fatto io di male in questo mondo, – continuava Melesecche, – per essere perseguitato dalla sventura con tanto accanimento? Eccola lì quella bestia impagabile! Eccola lì la mia speranza, il mio sostegno, il pane per i miei disgraziati figliuoli! Un monte d’ossa e di pelle, senza movimento e senza calore! E Dio solo sa se per avvezzarlo bene avevo adoperato pazienza e fatiche. Trovatelo, se vi riesce, trovatelo un altro ciuco che si pigli di sotto gamba, come se le pigliava lui, some da slombare un manzo. Le bastonate pareva che fossero la sua consolazione; il sole dell’agosto se lo godeva come un rinfresco; i ghiacci dell’inverno lo riscaldavano tutto; la pioggia, la grandine e la neve s’era abituato a succhiarsele come una benedizione del cielo… E ora… in questi ultimi giorni, sul più bello… quando gli avevo anche insegnato… – E qui Melesecche s’interruppe per abbandonarsi a uno scoppio di pianto disperato.

– Che v’era riuscito d’insegnargli in questi ultimi giorni, Melesecche? – gli domandò lo scortichino che era venuto per pigliare la pelle dell’asino.

– Lo avevo avvezzato a non aver più bisogno di mangiare!

– Non mi burlate!

– No, no, non vi dico altro che la santa verità. Cominciai tre mesi addietro, per la festa di Sant’Antonio, a diminuirgli la sua razione e, giù giù, adagio adagio, l’avevo condotto… dove l’avevo condotto. Sissignore, ora che da tre giorni mi campava veramente bene senza più sentire il bisogno del cibo… Sissignore! Quel destino infame che non ha voluto mai darmi un’ora di pace, gli salta addosso e me l’ammazza!

Lo scortichino che aveva già cominciato a cavare la pelle all’asino posò il coltello, alzò la testa, guardò in viso Melesecche, ed esclamò, fingendosi commosso:

– Il destino, il destino! Tanti tanti, ne ho conosciuti dei ciuchi, e tutti a cotesta maniera! Appena avvezzati a star senza mangiare, hanno fatto come fareste voi: dopo quattro giorni, alla più lunga, sono morti!

Testo di Renato Fucini.

da: Liber Liber

Send to Kindle

1 commento

  1. Il ciuco di Melesecche muore. Il volume di pubblicazioni della nostra Università continuerà invece ad aumentare. Sembra la violazione dei più elementari principi della fisica, ma non è così. In penuria ed a volte in assenza di fondi i nostri bravi ricercatori hanno imparato fin dal 2011-2012 che, dovendo pubblicare e basta, è molto facile e riposante farlo a casa, senza gli studenti tra i piedi. E’ anche molto gratificante perchè quello che fai ti rende ‘eccellente’. Ognuno ha potuto constatare che pubblicare invece di lavorare premia e l’ANVUR certifica il premio con la crescita degli indici che ti rendono ‘figo’ e rendono ‘figo’ il tuo Dipartimento e contento il tuo Rettore. Ci fanno un baffo i ricercatori Americani o Giapponesi o Tedeschi. Se c’è da incrementare gli indici, mica siamo più fessi di loro!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.