arriveranno a frotte gli intellettuali rivoluzionari del Club ROARS&Lincei a spiegarmi che sono solo uno sporco servo del capitale finanziario pluto-giudeo-massonico ed oscurantista. Non è per questi geni incompresi che ho scritto il post ma per quegli altri che, pagando le tasse, li mantengono affinché si dedichino alla chiacchiera rivoluzionaria“; “un sistema espressamente concepito dalle élite europee – cui ROARS plaude – per spossessare i cittadini del controllo sui processi politici“; “piddini difensori del progetto eurista“; “Sylos-Labini: un cialtrone demagogo populista“; “Sylos è grillino? Il padre si starà rivoltando nella tomba“; [Roars] “è ormai diventato squadrismo pedagogico“; megafono alla panza dei docenti; “siete uno dei tanti responsabili della radicale e radicata cultura anti impresa“; degli stalker, disinteressati alla verità, solo a ribadire come i bambini l’ultimo “cacca cacca cacca” “; “leccaculo del governo di turno“; “Caso di studio di cyberbullismo“; “un incrocio tra un fondamentalista islamico e un bambino cocciuto“; in ogni caso “sicuramente Roars fa schifo. Siamo giunti alla fine del 2018 ed è tempo di bilanci. Offriamo ai nostri lettori un’antologia di quello che è stato detto di Roars durante i suoi sette anni di vita. Il risultato è un pastiche un po’ lisergico, ma autentico al 100%. Una fotografia impietosa del livello a cui possono scadere i dibattiti nell’era del web quando si svolgono sui blog, ma sopratutto su Twitter e Facebook. Se i nostri giudici avessero ragione dovremmo vergognarci di noi stessi. Ci consola pensare che qualcuno di loro deve pur sbagliarsi perché non possiamo essere allo stesso tempo collettivo di intellettuali rivoluzionari, squadristi, fascisti, grillini, piddini, euristi, bigotti e fondamentalisti islamici.

P.S. Segnaliamo una modifica alle regole di moderazione del nostro Gruppo Facebook: a partire dal 1 gennaio 2019, tutti i post proposti dagli utenti dovranno essere approvati da un amministratore. La moderazione dei commenti non subirà modifiche e continuerà ad essere effettuata solo ex post (insulti e/o insinuazioni di carattere personale, linguaggio offensivo, volgarità gratuite, illazioni reiterate, accuse diffamatorie etc. non sono ammessi).

______

“collettivi di scienziati rivoluzionari che non vogliono essere valutati da niente e da nessuno”

“intellettuali rivoluzionari del Club ROARS&Lincei”

Michele Boldrin su noiseFromAmerika

i vari collettivi di scienziati rivoluzionari che non vogliono essere valutati da niente e da nessuno, tipo questo ROARS o i loro nuovi alleati della Classe di Scienze Morali etc. dei Lincei fanno affermazioni distorte e parziali. E lo sanno. Ma dimostrarlo non è facile perché il tema è ostico ed i dati oscuri, manipolabili e manipolati. […] arriveranno a frotte gli intellettuali rivoluzionari del Club ROARS&Lincei a spiegarmi che sono solo uno sporco servo del capitale finanziario pluto-giudeo-massonico ed oscurantista. Non è per questi geni incompresi che ho scritto il post ma per quegli altri che, pagando le tasse, li mantengono affinché si dedichino alla chiacchiera rivoluzionaria.

______

i pasdaran accademici del sito Roars.it

Goffredo Pistelli su Italia Oggi

______

“il solito articolo fazioso di Roars”

Giovanni Federico su noiseFromAmerika

______

“sono dei cialtroni”

Dalla cronaca della discussione al Tavolo 2 di Youniversity.lab (23-24 ottobre 2015), due giorni organizzata dal Partito Democratico:

“Zunino ha insistito e, birichino, gli ha chiesto se fosse vero che un documento ANVUR costasse veramente 100.000 euro. […] ha risposto che chi lo dice sono dei cialtroni”

Dalla nostra inviata sul campo di Udine: #laBuonaUniversità minuto per minuto

______

“piddini difensori del progetto eurista”

“Sylos-Labini: un cialtrone demagogo populista”

“La linea filogovernativa di ROARS (rigorosamente se il governo è “de sinistra”)”

“un sistema espressamente concepito dalle élite europee – cui ROARS plaude – per spossessare i cittadini del controllo sui processi politici”

“a ROARS non avete capito un cazzo delle dinamiche macro che hanno portato il sistema universitario al collasso”

Alberto Bagnai su Goofynomics

______

“siete uno dei tanti responsabili della radicale e radicata cultura anti impresa”

Fabrizio Benassi su Twitter

______

“Quelli di Roars sono spesso aspiranti baroni. Meglio, baroni mancati”

Corrado Zunino (Repubblica) su Facebook

______

“bigotti dell’università italiana e scrivete chiacchiere senza “i””

“Zelanti e ottusi. Sul piano lessicale pedestri e prevedibili”

“degli stalker, disinteressati alla verità, solo a ribadire come i bambini l’ultimo “cacca cacca cacca” “

Corrado Zunino (Repubblica) su Twitter

______

“troll di roars.it, scherani”

Giuseppe Genna su Facebook

______

“al limite del populismo”

Gilberto Bini, Direttore Responsabile del Notiziario dell’Unione Matematica Italiana

opinioni su cui siamo in disaccordo, come quella del prof. Baccini, al limite del populismo, in base alla quale la non congruità viene sempre dipinta come un’arma a doppio taglio per i candidati

Notiziario UMI ottobre 2017

______

“megafono alla panza dei docenti”

Alessandro Ferretti su Facebook

______

“discutere con la comunità di Roars è tempo perso”

Fausto Panunzi su Twitter

______

“Roars è di destra estrema”

Francesco Biagi su Facebook

______

“truppe cammellate di sinistra che difendono le concorsopoli”

Fabio Scacciavillani su Twitter

 

______

“invasati alfieri di una becera cultura collettivistica”

Marco Cantamessa su Twitter

______

“specializzati nel mettere alla berlina tutto e tutti”

Giliberto Capano, Marino Regini, Matteo Turri, Salvare università italiana, il Mulino, p. 2

“Le rappresentazioni che dell’università vengono offerte dai media […] o in blog specializzati nel mettere alla berlina tutto e tutti”

______

“ridicoli ad un livello tragicamente cosmico”

Aluda Gracchi su Facebook

______

“è ormai diventato squadrismo pedagogico”

“squadrismo sì, pedagogico no”

“Pedofilo mi pareva eccessivo”

“Sylos è grillino? Il padre si starà rivoltando nella tomba”

Gio Asquini e Cristiano Corsini su Facebook

______

“un incrocio tra un fondamentalista islamico e un bambino cocciuto”

Mila Spicola su Facebook

______

“sicuramente Roars fa schifo”

Giulia Verdiglione su Facebook

______

“leccaculo del governo di turno”

Renato Tassella su Facebook

______

“caso di studio di cyberbullismo”

Gianni Marconato su Facebook

Send to Kindle

14 Commenti

    • Verrebbe quasi voglia di chiedere ai lettori di votare quello più creativo. In un ipotetico concorso a premi per l’epiteto più creativo, vedrei un testa a testa tra “intellettuali rivoluzionari del Club Roars&Lincei” (Michele Boldrin) e “invasati alfieri di una becera cultura collettivistica” (Marco Cantamessa), ma non vorrei fare torto ad altri che hanno validamente contribuito a questa antologia.

    • I due insulti scelti da De Nicolao sono notevoli. Ma credo che Zunino e “la repubblica” rimangano irraggiungibili.
      Fra le tre definizioni selezionate -tutte di altissimo livello- la mia preferita è la prima: “bigotti dell’università italiana e scrivete chiacchiere senza “i” “

    • La mia preferita è senz’altro ‘stallker, disinteressati alla verità, solo a ribadire come i bambini l’ultimo “cacca cacca cacca”’. Freud avrebbe avuto qualcosa di interessante da dire su chi l’ha pensata e scritta.

  1. Sebbene mi ripugni citare una frase di provenienze quanto mai lontane dal mio sentire, ricordo che si dice “tanti nemici, tanto onore”. Le reazioni, spesso scomposte, suscitate da ROARS ci dicono che forse ha toccato punti nevralgici, messo il dito nella piaga, rotto le uova nel paniere. Non sono in grado di dire se tutto ciò che è stato pubblicato da ROARS sia corretto, sia giusto. Posso solo affermare con convinzione che la presenza di una voce razionalmente critica e informata come ROARS sia vitale per il mantenimento delle dinamiche democratiche in un ambiente ostico come quello accademico. Capisco che l’ANVUR e i suoi vassalli non possano che provare fastidio.

  2. Non sono facilmente etichettabile, leggo ROARS e la ringrazio per le informazioni che altrove non trovo, per farmi sentire meno isolata, meno strana nel pensare diversamente da chi impone il proprio pensiero dominante o semplicemente la propria indifferenza e il proprio cinismo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.