«L’introduzione nel sistema universitario di figure di professori con prerogative differenti e più vantaggiose rispetto al resto dei docenti andrebbe attentamente pesata e coordinata con la normativa vigente, soprattutto in relazione ai meccanismi di gestione degli organici da parte degli Atenei. Le norme proposte per la formazione delle Commissioni giudicatrici non appaiono allineate alle migliori pratiche internazionali ed avrebbero gravi ricadute sull’autonomia costituzionalmente riconosciuta al sistema universitario. Come rilevato nel documento CUN “Analisi introduttive a proposito dei settori ERC”, tali settori sono stati concepiti per finalità differenti da quelle della formazione di Commissioni per il reclutamento. Il CUN, viste le prime dichiarazioni della Signora Ministra in favore di una revisione dei contenuti dello schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle “Cattedre universitarie del merito Giulio Natta”, chiede che si faccia interprete delle istanze sopra riportate presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.»

Pubblichiamo la mozione del CUN sullo Schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle “Cattedre universitarie del merito Giulio Natta”


All’On.le Ministra

Sen. Prof.ssa Stefania GIANNINI

S E D E

 

OGGETTO: Mozione sullo Schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo

alle “Cattedre universitarie del merito Giulio Natta”.

 

Adunanza del 19 ottobre 2016

IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE

CONSIDERATO che la diffusione da parte della stampa dello schema di dPCM in oggetto, di attuazione della previsione contenuta nella legge di stabilità 2016 (art. 1, commi 207 e ss L. n. 208/2015) con la quale si istituisce un Fondo per le cattedre universitarie del merito “Giulio Natta”, ha prodotto un ampio dibattito in seno alle comunità scientifiche sia sui principi sia sul merito del provvedimento;

CONFERMANDO le valutazioni già espresse dal Consiglio nella raccomandazione del 21 ottobre 2015 “In merito alle disposizioni dedicate all’Università, nello schema di disegno di legge “Stabilità 2016”;

RISERVANDOSI di formulare un proprio parere sullo schema del Decreto non appena esso sarà reso istituzionalmente disponibile in forma completa a questo Consesso;

SOTTOPONE IN URGENZA

ALL’ATTENZIONE DELLA SIGNORA MINISTRA LE SEGUENTI CONSIDERAZIONI

L’introduzione nel sistema universitario di figure di professori con prerogative differenti e più vantaggiose rispetto al resto dei docenti andrebbe attentamente pesata e coordinata con la normativa vigente, soprattutto in relazione ai meccanismi di gestione degli organici da parte degli Atenei.

Le norme proposte per la formazione delle Commissioni giudicatrici non appaiono allineate alle migliori pratiche internazionali ed avrebbero gravi ricadute sull’autonomia costituzionalmente riconosciuta al sistema universitario.

Come rilevato nel documento CUN “Analisi introduttive a proposito dei settori ERC”, tali settori sono stati concepiti per finalità differenti da quelle della formazione di Commissioni per il reclutamento.

La definizione di una griglia di corrispondenze tra settori ERC e Settori Concorsuali richiede quindi un’articolata e attenta istruttoria culturale. La definizione dei Settori Concorsuali e dei Settori Scientifico-Disciplinari è d’altro canto oggetto di una competenza assegnata al CUN dalla legge di sua istituzione oltre che dall’art. 15 della legge 30 dicembre 2010 n. 240. Si ritiene pertanto opportuno che tale griglia di corrispondenza sia sottoposta al parere di questo Consesso.

IL CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE

viste le prime dichiarazioni della Signora Ministra in favore di una revisione dei contenuti dello schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri relativo alle “Cattedre universitarie del merito Giulio Natta” chiede che si faccia interprete delle istanze sopra riportate presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

 

LA VICE PRESIDENTE

(Prof.ssa Carla Barbati)

Send to Kindle

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.