Con comunicazione del 27 maggio, il D.G. MIUR, G. Livon, si rivolge alle commissioni per le abilitazioni.

Relativamente alla tornata 2012, si precisa che:

. il calcolo degli indicatori bibliometrici dei candidati è ancora in corso.

.ulteriori operazioni di verifica sugli indicatori potranno proseguire oltre il 31 maggio.

. le commissioni sono tenute a verificare l’età accademica dei candidati.

Infine si forniscono alcune raccomandazioni relative alla formulazione dei giudizi, ai fini, dice il D.G. di evitare potenziale contenzioso.

Da ultimo, si preannunzia una proroga dei lavori al 30 settembre 2013.

Poiché risulta che l’orientamento del MIUR fosse di rendere noti i risultati dell’ASN 2012 tutti insieme, è lecito supporre che i risultati non saranno resi noti prima del mese di ottobre 2013, a ridosso della scadenza per il bando ASN 2013.

Segue la circolare

 

Circolare ai Commissari

Send to Kindle

58 Commenti

  1. Mi sembra che nelle discussioni sui concorsi (o le abilitazioni) non si faccia una distinzione tra concorsi sui cui esiti si dissente profondamente e concorsi truccati in mala fede. Le differenze di opinione sul merito scientifico all’interno di una disciplina o un’area sono un fatto positivo. L’alternativa sarebbe un pericoloso pensiero unico.

    • @Figà Talamanca.

      Certo, mi sembra un’osservazione del tutto corretta. Personalmente ho in mente entrambe le situazioni. Certamente, a differenza di Sargenisco, ho avuto purtroppo modo di essere testimone di entrambi i comportamenti, da candidato e da commissario.

      Il confronto sul merito scientifico, all’interno della commissione, dovrebbe essere onesto e pulito, spesse volte queste condizioni non si realizzano.

      E questo fa parte delle cose da rivoluzionare.
      Ci dovrebbero poi essere considerazioni di opportunità di sede e di scuola, anche in questo caso eticamente fatte in modo ineccepibile. Aiuterebbe senz’altro, prevedere sanzioni per chi sceglie candidati che si dimostrino, alla prova dei fatti, inconcludenti.

      Troppa rivoluzione mi sa…. dello sciagurato credere,obbedire combattere, sembra che si sia mantenuto solo l’obbedire a quel che leggo …

    • Concordo con la sua analisi; fare di tutta l’erba un fascio, non porta molto lontano!

    • Siamo in Italia; e ho detto tutto.
      Per le commissioni la cui scadenza è giovedì 20 c’è ancora un solo Consiglio dei ministri utile per l’emissione del NECESSARIO decreto legge, quello di venerdì 14. Per quelle la cui scadenza è domenica 30, invece, “la bellezza” di 3: oltre a quello di venerdì 14, quelli di venerdì 21 e di venerdì 28.
      Si badi, fra l’altro, che esistono i casi fra patologici e vergognosi di 6 commissioni (06/D6, 06/E2, 06/F2, 06/N1, 07/H4, 11/B1; i medici la fanno quindi, diciamo così, da padroni) che, a 6 mesi e 3 settimane dalla chiusura del bando, non hanno ancora effettuato neppure la prima riunione e quindi non hanno ancora fatto pubblicare in rete i loro criteri e quindi non hanno ancora fatto partire gli ultimi 15 giorni per eventuali ritiri di candidati, solo DOPO lo scadere dei quali una commissione inizia a lavorare.
      Comunque, se non erro, da sempre la normativa concede alle commissioni di consegnare gli atti anche (al massimo) 2 mesi dopo la scadenza prescritta. Quindi, se appunto non erro, sono tutti tranquilli

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.