Siamo in periodo di carestia, è vero, ma non dimentichiamo che anche in periodo di carestia, il contadino taglia su tutto ma non sulla semina. E la semina deve essere effettuata con la dovuta cura: Plutarco ripeteva “I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere”. Andrea Cammelli

«Prendete il XV rapporto Almalaurea sul profilo dei laureati e scoprirete quante menzogne sono state raccontate dai ministri della Repubblica a proposito degli studenti italiani». Così nel 2013 Roberto Ciccarelli commentava i dati pubblicati dal consorzio fondato e direttto da Andrea Cammelli. La Redazione di Roars.it, addolorata per la sua recente scomparsa, lo ricorda ripubblicando un suo articolo  e fornendo il link a una sua intervista, entrambi già apparsi sul nostro blog. Andrea, già professore di Statistica Sociale all’Università degli Studi di Bologna, è stato il fondatore e direttore del Consorzio AlmaLaurea (http://www.almalaurea.it/), che ha contribuito negli anni ad assicurare agli Organi di Governo degli Atenei aderenti, ai Nuclei di Valutazione, alle Commissioni impegnate nella Didattica e nell’Orientamento, attendibili e tempestive basi documentarie e di verifica, volte a favorire i processi decisionali e la programmazione delle attività.

Andrea Cammelli (Almalaurea): «Occorre investire sulla conoscenza e sulla formazione dei lavoratori»

Quando la documentazione è inesistente

pubblicato su Roars il 10 agosto 2014

Luigi Einaudi, nel volume Prediche inutili del 1956, scriveva “Conoscere per deliberare”. Oltre quattrocento anni prima, Galileo Galilei invitava inutilmente i Cardinali dell’Inquisizione a guardare dentro il cannocchiale: senza successo! Più tardi, nel 1937, J. M. Keynes scrisse nel The Times “Non c’è nulla che un governo odii di più dell’essere ben informato; poiché ciò rende molto più complicato e difficile il processo che conduce alle decisioni”.
La sensazione è che gli articoli comparsi in questi giorni sui quotidiani nazionali sui finanziamenti alle università italiane non tengano conto di diversi aspetti che possono aiutare a comprendere anche la scarsa capacità di valorizzazione del capitale umano palesata dal nostro Paese. Si tratta di aspetti e questioni che stanno condizionando la capacità di ripresa della nostra economia e le sue prospettive di crescita a lungo termine

  1. Facendo pari a 100 la spesa per ogni laureato italiano, la Francia spende 175; la Spagna 180; la Germania 207; la Svezia 225 (fonte OECD, 2013; la spesa è in dollari a parità di potere d’acquisto).
  2. La spesa pubblica e privata per Ricerca e Sviluppo come percentuale del PIL in Italia è 1,26 (0,68 sostenuta dalle imprese); in Spagna è 1,39 (0,72 sdi); nel Regno Unito 1,80 (1,10 sdi); in Francia 2,24 (1,41 sdi); in Germania 2,80 (1,88 sdi); in Svezia 3,39 (2,33 sdi).
    LaureatiItaliaUltima
  3. La popolazione italiana di 25-34 anni con istruzione universitaria è del 21 per cento! La media dei paesi UE21 è del 36 per cento (39 per cento fra i paesi dell’OECD). La Commissione Europea ha fissato l’obiettivo del 40 per cento di laureati nella fascia 30-34 anni per l’anno 2020; il Governo italiano ha rivisto l’obiettivo puntando al massimo al 26-27 per cento.
    Laureati2020ItaliaVsTurchia
  4. Fra il 2007 e il 2012 in Italia la quota di occupati nelle professioni ad elevata specializzazione (secondo la classificazione internazionale, la definizione comprende 1. legislatori, imprenditori ed alta dirigenza; 2. professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione) è scesa al 17% mentre in tutta l’UE è cresciuta da poco più del 21 per cento al 24 per cento (Fonte Eurostat).
    AlmaLaurea2013bis
  5. Gli occupati con qualifica di manager con la scuola dell’obbligo o titolo inferiore, in Italia sono il 28 per cento contro l’11 per cento della U.E:, il 5 per cento della Germania, il 13 per cento del Regno Unito e il 19 della Spagna. I manager con laurea o titolo superiore mentre nell’UE sono il 53 per cento, e nessun paese scende sotto il 51 per cento, in Italia sono solo il 24 per cento (Fonte Eurostat 2012).
    AlmaLaurea2014TitoloManager
  6. Secondo le stime di AlmaLaurea, che si occupa ormai da 20 anni di analisi del sistema universitario, soltanto il 30 per cento dei 19enni si iscrive alle università, provenendo da famiglie più favorite. Il restante 70 per cento dei giovani non accede agli studi universitari spesso per l’assenza di una seria politica del diritto allo studio.

Siamo in periodo di carestia, è vero, ma non dimentichiamo che anche in periodo di carestia, il contadino taglia su tutto ma non sulla semina. E la semina deve essere effettuata con la dovuta cura: Plutarco ripeteva “I giovani non sono vasi da riempire, ma fiaccole da accendere”.

da AlmaLaurea, 7 agosto 2014

 

Send to Kindle

6 Commenti

  1. «Meno si studia, più si lavora», «Il pezzo di carta non serve a nulla», «Un lavoro è meglio della laurea», «Il mito della laurea crea disoccupati dove c’è lavoro», «Laureati senza lavoro – Colpa loro e dei prof»: questa antologia di titoli riassume l’informazione che l’opinione pubblica riceve sul fabbisogno italiano di laureati e sulle loro prospettive occupazionali. Sarebbe difficile farsi una ragione del recente e pesante definanziamento dell’istruzione universitaria, senza partire da queste “verità”, ripetute metodicamente giorno dopo giorno. Ma cosa dicono davvero le statistiche?

    https://www.roars.it/online/i-falsi-miti-italiani-sullistruzione-universitaria-sotto-la-lente-di-almalaurea/

    • Sono assolutamente d’accordo con Giuseppe De Nicolao. C’è stata una strategia che ha demitizzato (e forse questo era giusto) e denigrato l’istruzione a tutti i livelli, partendo da attacchi contro la classe docente. I risultati sono stati una sofferenza diffusa fra il personale docente, ma anche fra gli studenti. Chi è stato maggiormente danneggiato è stato chi non proveniva da classi sociali agiate e aveva molta disponibilità finanziaria. La stessa strategia viene usata per spostare studenti dal Sud e dalle isole verso il Nord Italia. Studenti che avrebbero potuto studiare meglio a casa loro o molto vicino a casa loro sono stati condizionati sino al punto di partire come migranti con le loro valige e a cercare lavoro per mantenersi agli studi in città in cui le spese sono molto più alte per tutto.

  2. A proposito del pezzo di carta. Un mio conoscente, con figli grandi, decide che vuole conseguire finalmente la maturità, per il solo piacere di studiare. Un suo stretto parente dice: ma perché non te lo compri, il titolo? Per non dire di altri che chiedono: ma a cosa ti serve? Sull’atteggiamento menefreghista e sprezzante dei giovani rispetto alla scuola serale ho già riferito in un altro commento.

  3. Quasi un terzo dei manager con titolo di studio dell’obbligo, o anche no.
    Germania 5%.
    C’è da sapere altro per capire l’arretratezza della produzione in Italia?
    Eppure questi pretendono giovani non “studiati” e che accettino una retribuzione più bassa del reddito di cittadinanza.
    Lo hanno detto ieri: la retribuzione media dei giovani in Sicilia è attorno ai 700 euro! Quindi dicono che il rdc è troppo alto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.