Si è completato il puzzle della prima fase delle abilitazioni nazionali con la tardiva pubblicazione del tassello mancante: le liste di riviste, determinanti per la definizione della seconda e della terza mediana per i settori non bibliometrici. Le liste pubblicate al momento si limitano a definire le riviste di “eccellenza” (in fascia A): la dichiarata funzione di questo strumento di valutazione è di fare salva la posizione di quei ricercatori che, pur avendo una produzione limitata sotto il profilo quantitativo si caratterizzano per un notevole profilo qualitativo della ricerca. Il che potrebbe anche sembrare ragionevole, visto che la mera quantità nella produzione dice davvero poco circa la qualità della medesima: basti pensare al numero di volumi stampati a pagamento a fini meramente concorsuali (una pratica, peraltro, incentivata dai tempi enormemente dilatati del bando per le abilitazioni nazionali). Non sono state invece rese note le preannunciate liste di riviste in fascia B e C.

Il tono dubitativo di ANVUR lascia supporre che tali liste non vedranno mai la luce, insieme alla lista di fascia A per l’area 12, almeno per questa tornata di abilitazioni: “Il RM impone all’ANVUR di produrre una classificazione in tre fasce di merito. Allo scopo di consentire l’avvio delle procedure di abilitazione scientifica nazionale, l’ANVUR ha convenuto di concentrare gli sforzi nella classificazione in fascia A, necessaria alla costruzione del terzo indicatore, rinviando al futuro la classificazione ulteriore in fascia B e C.”[1]

In ogni caso, la loro assenza crea una serie di problemi di cui si dirà più oltre.

Ancora una volta, e al di là dei fatti concreti cui stiamo assistendo, mi sento di dover ribadire la mia personale contrarietà alle liste di riviste come strumento di valutazione: sono convinto che esse producano generalmente più danni che benefici, a maggior ragione quando si tratta di reclutamento. Non desidero però riprendere qui la letteratura internazionale in merito, né le mie tesi che ho già esposto altrove e mi limito ad alcune rapide osservazioni.

1.Trasparenza.

La redazione degli elenchi di riviste è un’operazione estremamente delicata. Sarebbe stato meglio non utilizzare uno strumento di questa natura per il reclutamento (alcuni riferimenti si trovano qui). Volendo comunque perseverare in questa scelta, si sarebbero dovute adottare tutte le cautele per rendere la procedura trasparente e rigorosa.

Dalla documentazione ANVUR non emerge nulla di ciò: si comprende solo che le liste sono il prodotto di una concertazione fra i GEV, i componenti il Gruppo di lavoro a ciò deputato, le società scientifiche e non meglio precisati esperti esterni (cfr. la delibera ANVUR 50/2012 e il documento di accompagnamento alle mediane non bibliometriche). A tutto ciò si aggiunge l’eventuale misurazione dell’h-index delle sedi editoriali attraverso Google Scholar, una base dati (giova ripeterlo) pressoché inutilizzabile ai fini bibliometrici:

Il Gruppo di lavoro ha potuto operare quindi sulla base di una pluralità di fonti informative:

– Pareri delle società scientifiche

– Classificazione operata dai Gruppi di esperti della valutazione (GEV) ai fini della Valutazione della qualità della ricerca (VQR)

– Calcolo dell’h-index della rivista sulla base di una procedura automatica di interrogazione di Google Scholar

– Eventuali pareri di esperti interpellati dal Gruppo di lavoro sulla base del mandato ricevuto.[2]

ANVUR non ha reso note:

. le linee guida adottate per la redazione della lista, nonché le basi scientifiche sulla cui base tali linee guida sono state costruite.

. i criteri sulla cui base sono stati nominati o consultati gli “esperti ” anche stranieri, nonché la loro qualificazione accademica, nazionalità, numero, natura del mandato ricevuto.

Si sa solo che si è provveduto a estrarre dal CINECA le riviste su cui gli studiosi italiani hanno pubblicato negli ultimi 10 anni e che tali elenchi sono stati sottoposti alle società disciplinari, ai GEV e al Gruppo di lavoro, oltre agli eventuali esperti.[3]

Va ricordato che operazioni del genere, per quanto non collegate al reclutamento, sono state compiute all’estero da soggetti terzi attraverso un’effettiva, complessa, articolata e trasparente consultazione delle comunità accademiche: niente di paragonabile alle frettolose e opache consultazioni agostane da parte dell’Agenzia delle società disciplinari, che peraltro non sempre possono essere ritenute rappresentative della comunità scientifica.

Tornando al caso italiano, va rilevato come in nessun luogo sia possibile consultare gli esiti dell’istruttoria compiuta dal Gruppo di lavoro, i verbali dei lavori del consiglio direttivo come pure i pareri dei GEV e eventualmente, anche in forma anonima, quelli dei non meglio specificati “esperti”.[4]

Inoltre, la scarsa trasparenza della procedura adottata si accompagna alla carente o inesistente gestione del conflitto di interessi, in contrasto con quanto previsto dal codice etico dell’Agenzia (art. 7) e con le pratiche comunemente adottate a livello internazionale. Per maggior chiarezza e per una migliore comprensione del paragrafo successivo riporto per esteso quanto previsto dal codice etico ANVUR:

 

2. Mancata regolazione e prevenzione del conflitto di interessi.

Si potrebbe in primo luogo ricordare che i componenti i direttivi di quasi tutte le società disciplinari delle HSS comprendono soggetti che o sono parte del comitato scientifico di una o più riviste o ne hanno la direzione e che ciò potrebbe inficiare, in linea di principio, l’attendibilità delle consultazioni svolte da ANVUR. Ma non è certo questo l’aspetto più grave della vicenda, che coinvolge in pieno collaboratori esterni e interni dell’Agenzia (GEV e componenti il Gruppo di lavoro).

Va infatti osservato che:

. Anche all’interno del Gruppo di lavoro (delibera 55, 58, 63/2012) vi sono direttori di riviste o componenti di comitati scientifici. Non risulta però che l’Agenzia abbia attivato alcuna procedura per sterilizzare il conflitto di interessi. Ragionamenti analoghi possono essere svolti per quelli fra i GEV che dirigono riviste o partecipano a comitati scientifici.

. Si è visto come le mediane non bibliometriche di fascia A siano piuttosto basse (comprese fra 0 e 3), tanto che un solo articolo in fascia A pubblicato da qui a novembre potrebbe assicurare ad alcuni l’accesso alla procedura. Ciò significa che i soggetti che controllano le pubblicazioni di riviste di fascia A hanno in mano la wildcard che può cambiare i destini di aspiranti candidati: un potere davvero notevole, che può anche riguardare i propri allievi, oltre a quelli altrui.

Non pare dunque corretto che all’attribuzione di tale potere abbiano concorso soggetti che potrebbero in seguito esercitarlo o avvantaggiarsene, senza che si sia adottato alcun filtro preventivo o rimedio di sorta, fosse anche solo una semplice dichiarazione con la quale impegnare i soggetti coinvolti al rispetto di alcuni principi base.

Lo stesso discorso può essere svolto, in linea di principio, per gli aspiranti candidati commissari che potrebbero essere stati tentati di migliorare i propri punteggi bibliometrici favorendo la collocazione in fascia A di riviste su cui pubblicano abitualmente. Infatti I GEV, nonostante il ruolo ricoperto, hanno potuto candidarsi come commissari per le abilitazioni nazionali (come del resto i componenti non fuori ruolo del Gruppo di lavoro). Su tutti questi punti una buona network analysis potrebbe forse restituire dei risultati interessanti.

Va notato che la presenza di un possibile conflitto di interesse di tale gravità può esporre  le procedure a censure di illegittimità in relazione anche alla situazione personale dei commissari.

Tanto basti per la considerazioni generali sulla procedura. Conviene ora considerare alcune anomalie strutturali.

3. La scienza impermeabile di ANVUR

Stando al Documento di accompagnamento alle mediane non bibliometriche (punto 3.3), si apprende che:

il giudizio di scientificità ha valore all’interno dell’area CUN

il giudizio di fascia A ha valore all’interno del settore concorsuale.

Sul punto è bene fornire qualche chiarimento: si intende dunque che una rivista è considerata scientifica solo all’interno dell’area CUN, a meno che la procedura adottata da ANVUR, con tutte le carenze cui si è fatto riferimento più sopra, non abbia condotto all’identificazione di una rivista come scientifica da parte di più società disciplinari di diverse aree CUN e da parte dei Gruppi di lavoro di ANVUR stessa. A titolo di esempio, ciò significa che in mancanza di questo reciproco riconoscimento, che in moltissimi casi non ha avuto luogo, ai fini delle mediane sono da ritenersi non scientifici

–        uno scritto di un economista su di una rivista di diritto del lavoro (e viceversa)

–        uno scritto di un economista su di una rivista di sociologia (e viceversa)

–        uno scritto di un giurista su di una rivista di sociologia, di economia, di filosofia (e viceversa)

 

Ma si potrebbe continuare a lungo, pensando al giurista che scrive su una rivista di medicina in tema di bioetica, all’economista che si occupa di storia economica su di una rivista a prevalente indirizzo storico e così via.

In ogni caso, l’idea di limitare il giudizio di scientificità all’interno dell’area CUN è una vera e propria aberrazione sotto il profilo scientifico e una scelta dannosa dal punto di vista delle politiche della ricerca. Questo per tre motivi:

  1. da che mondo e mondo la scienza prospera attraverso la comunicazione fra discipline diverse: il pensiero e la ricerca scientifica non sono a compartimenti stagni e anzi più si riduce la comunicazione fra aree e settori più si danneggia la qualità della produzione scientifica, il che vale sia per la ricerca teorica che per quella applicata.
  2. Come si può stabilire se una rivista è scientifica nell’ambito delle scienze umane e sociali? Unicamente attraverso la verifica di una serie di parametri che non possono cambiare da area ad area, come per esempio l’esistenza di un comitato scientifico dotato di certi requisiti, la previsione di una peer review rigorosa, la periodicità, la presenza in biblioteche e data base internazionali e così via. Come è possibile dunque stabilire che una stessa rivista sia scientifica per un’area e non scientifica per un’altra, magari contigua? E’ pensabile che una rivista scientifica di sociologia pubblichi contributi non scientifici in materia di diritto o economia e viceversa?
  3. l’elenco delle riviste scientifiche è stato costruito sulla base dei dati CINECA inseriti volontariamente da parte dei docenti italiani alla data del 15 luglio. Quindi si potrebbero determinare una serie di casi paradossali:

a)      vi potrebbero essere riviste non ritenute scientifiche a causa del mancato popolamento del sito docente

b)      vi potrebbero essere aspiranti candidati che lavorano all’estero, studiosi non strutturati presso le università italiane o che operano presso istituzioni che fanno ricerca in Italia, che hanno pubblicato su riviste sfuggite all’inclusione nell’elenco semplicemente perché queste sono risultate assenti su CINECA. Ad esempio, i ricercatori del CNR non dispongono di una pagina CINECA, così come non ne dispone, ovviamente, chi lavora in sedi estere.

 

4. Le eccellenze pseudo-bibliometriche

Premesso dunque che l’identificazione della scientificità di una rivista si limita all’accertamento di requisiti minimi,  il giudizio relativo alla cosiddetta classe A è invece connesso con l’assai evanescente concetto di “reputazione”. Infatti ANVUR e alcuni esperti che collaborano con l’agenzia hanno cercato di sostenere che la mediana “qualitativa” (quella relativa al numero di pubblicazioni nella classe A delle riviste) corrisponderebbe a una classificazione delle riviste fondata sulla “reputazione”: il che giustifica la pertinenza del giudizio di eccellenza unicamente al settore.

Ho il sospetto che i sostenitori della “mediana qualitativa”, oltre a non rendersi conto dei risultati aberranti causati dalla incauta mescolanza di indicatori statistici e valutazioni che per loro natura rischiano di essere del tutto soggettive, siano affetti da una sorta di invidia per i parametri bibliometrici dei settori delle “scienze dure”.

E’ ovviamente vero che esistono riviste di migliore e peggiore qualità: questo è indiscutibile e solitamente gli appartenenti a una comunità scientifica ne sono ben consapevoli, come sono consapevoli della mutevolezza nel tempo di queste valutazioni di merito. Quello che è fallace, dunque non è tanto il presupposto (l’esistenza di contenitori migliori e peggiori), ma la convinzione di poterlo misurare oggettivamente ma attraverso liste concertate.

Questa pallida imitazione della bibliometria da parte degli umanisti, per la quale la misura della reputazione diviene una sorta di surrogato dell’indice-h o dell’impact factor non credo sia accettabile: infatti, da un canto qualsiasi scienziato con un minimo di formazione scientometrica sa che un bruto numero di citazioni non equivale a “reputazione”; impatto, com’è noto, non è automaticamente qualità. Da decenni si discute della possibilità di accertare la “reputazione” di una rivista sulla base degli indicatori citazionali e vi è ben poco consenso intorno alla tesi che ciò sia possibile, in particolare quando occorrono valutazioni fini e accurate come quelle richieste per il reclutamento.

D’altro canto, tutti noi sappiamo benissimo che è estremamente difficile misurare “quantitativamente” la reputazione di una sede editoriale attraverso valutazioni del tutto soggettive, specialmente se intervengono conflitti di interesse che sfuggono a qualsiasi controllo, a maggior ragione nel contesto di una procedura non trasparente come quella adottata da ANVUR: da questo punto di vista la “misura della reputazione” senza indici citazionali, costruita attraverso mere consultazioni, sembra portare con se le peggiori distorsioni degli indici bibliometrici senza avere il pregio della verificabilità, in termini di conteggio di citazioni e degli indici che su di esse possono essere costruite.

In questo quadro, va rilevato come mentre i compartimenti stagni adottati per la qualifica di scientificità impediscono di ritenere scientifica una rivista al di là dei confini d’area, sono invece sporadicamente apparse riviste di del tutto estranee all’area di riferimento all’interno degli elenchi delle riviste di fascia A.

 

Un solo esempio fra i tanti possibili:

 

–        Studi di italianistica nell’Africa australe, rivista di fascia A in area 14 (Sociologia)

 

Naturalmente è possibile trovare una spiegazione per tutto: è possibile che alcuni docenti abbiano scritto su riviste estranee alla loro area. Meno semplice capire come e perché, a seguito di casi presumibilmente individuali e isolati, si sia provveduto al riconoscimento della classe A di una rivista alquanto specializzata al di fuori della propria area di pertinenza.

 

Inoltre, alla luce della pur tautologica definizione di rivista di fascia A contenuta nell’allegato B al DM 76 “criteri e parametri”:

 

le riviste di classe A sono quelle, dotate di ISSN, riconosciute come eccellenti a livello internazionale per il rigore delle procedure di revisione e per la diffusione, stima e impatto nelle comunità degli studiosi del settore, indicati anche dalla presenza delle riviste stesse nelle maggiori banche dati nazionali e internazionali;

 

desta qualche dubbio l’inserimento in fascia A di una serie di periodici probabilmente stimabilissimi, ma la cui diffusione e impatto appaiono verosimilmente scarsi, specie nel contesto internazionale, al quale pure l’allegato al DM fa riferimento. E così pure di “periodici” che somigliano molto di più a collane che a riviste, o di periodici privi di ISSN (requisito invece previsto dall’allegato B al DM 76 per le riviste di classe A). Da notare che invece non sono collocate in fascia A numerose rivite di ampia diffusione pur censite nelle banche dati internazionali, ISI inclusa .

 

Ancora, mentre il documento di accompagnamento alle mediane non bibliometriche afferma che (3.1) sono stati esclusi i “periodici di recensioni”,  per l’area 10 risulta, ad esempio, in fascia A la Bryn Mawr Classical Review, ottimo e utile periodico online, costituito però esclusivamente di recensioni, che non adotta procedure specialmente severe di peer review e sul quale scrivono non pochi studiosi italiani.

 

Piccola osservazione per la quale sono grato a un collega: si potrebbe supporre, anche se definire carente le definizioni dei prodotti della ricerca da parte di ANVUR è un eufemismo, che le recensioni non possano essere computate ai fini delle mediane, evidentemente poiché se ne discute il carattere scientifico. Tale almeno era l’impostazione – peraltro discutibile – della VQR che escludeva recensioni e note a sentenza.

Come giustificare dunque, secondo logica e coerenza, il fatto che una rivista di sole recensioni concorra al calcolo di una mediana, che è per di più la mediana indicativa dell’eccellenza?

In ogni caso, lasciando ai lettori di queste pagine il compito, se vorranno, di esplorare le incongruenze delle liste settore per settore, va ribadito come alla data odierna non sia possibile consultare la lista delle riviste scientifiche. Anzi, sembra che essa non vedrà mai la luce, forse anche per una tardiva comprensione da parte di ANVUR dei problemi che ho più sopra sinteticamente esposto.

La mancata pubblicazione delle liste complete di riviste (classi A+B+C) pone non piccoli problemi. Fra questi i seguenti:

  1. Rimane non chiaro come sia stata calcolata la seconda mediana.
  2. caduta la identificazione delle sedi scientifiche, qualsiasi pubblicazione su periodico con o senza ISSN potrebbe essere considerata come pubblicazione valida ai fini del superamento della mediana.

Naturalmente la seconda questione coinvolge il ruolo delle commissioni e i compiti che saranno loro attribuiti: in effetti a oggi risulta oscuro chi dovrà controllare l’eventuale superamento delle mediane da parte dei candidati, sempre che tale requisito alla fine di questa confusa procedura sia effettivamente ritenuto vincolante.

In ogni caso va ricordato che in Italia stiamo assistendo al primo caso di applicazione generalizzata di indicatori statistici e bibliometrici ai fini del reclutamento, in palese contrasto con larghissima parte della letteratura scientometrica. L’ambizione di apprezzare, attraverso una macchina numerica, dati complessi che necessitano di approfondite valutazioni è del tutto insensata e infatti già da tempo si assiste a continui rimaneggiamenti e aggiustamenti del marchingegno, che tuttavia non paiono essere in alcun modo risolutivi. L’esito che già fin d’ora sembra delinearsi (si veda quanto affermano Ribolzi e Castagnaro ed anche Fantoni), è quello di un ritorno pieno alla discrezionalità delle commissioni, il che induce a chiedersi se le energie e il danaro pubblico investito in questa operazione sia davvero stato ben speso.

Una domanda che occorrerà porre con ancora maggior forza qualora dovesse alla fine emergere l’illegittimità delle procedure adottate.

Quanto scritto sopra non esclude che per alcune aree o settori si siano prodotte liste di riviste accettabili o di buona qualità: saranno le comunità accademiche a dircelo. Tuttavia, se ciò è avvenuto, non lo si deve in alcun modo alla procedura adottata che non risponde agli standard minimi adottati in Nazioni più avvezze alla valutazione della ricerca.

L’auspicio è che alla fine di tutta questa vicenda la comunità accademica risulti maggiormente acculturata sotto il profilo della valutazione, dell’uso appropriato degli indicatori scientometrici, della correttezza delle procedure e della sensibilità istituzionale, in modo da poter progettare in modo il più possibile condiviso sistemi che siano davvero in linea con le migliori pratiche internazionali.

post scriptum: in un commento su questo sito si legge la seguente lettera inviata dal direttivo dell’ANVUR, con la quale si intende rispondere a due questioni relative alla completezza dei dati CINECA e all’effettivo significato delle mediane qualitative:

Egregio collega  Trasmettiamo la sua segnalazione ai membri del Gruppo di lavoro Riviste scientifiche dell’area 11, per opportune valutazioni.  La risposta che lei dà alla fine della sua lettera è però nella giusta direzione: la legge obbliga a classificare solo le riviste su cui autori italiani hanno pubblicato, e questo non può che significare che ve ne è traccia sul loginmiur al 15 luglio. Il riscontro personale che lei ha fatto è certo corretto ma forse non copre tutti i casi che solleva.  [NOTA BENE:] Aggiungiamo che il Gruppo di lavoro si sta effettivamente ponendo il problema di aggiungere una lista, non obbligatoria per legge, di segnalazione di elevata qualità. Sarebbe un importante segnale che noi auspichiamo, anche se richiederà altro tempo. Alcune aree hanno già provveduto in questo senso.   Molti cordiali saluti   Per il Consiglio Direttivo il Gruppo di lavoro Abilitazione  Fantoni, Bonaccorsi, Novelli

Devo confessare che fatico a comprendere quale credibilità possa ormai avere la procedura in atto dopo che non solo le stesse mediane sono state retracted, ma a quanto pare anche le liste di riviste, incomplete, verranno integrate da nuovi elenchi, “di segnalazione di elevata qualità”, ad usum (quale?) delle commissioni. Come diceva qualcuno, la situazione è grave ma non è seria.



[1] Documento ANVUR di accompagnamento alle mediane non bibliometriche, punto 3.2. Del resto, dal documento di accompagnamento alle mediane non bibliometriche si evince che le liste sono state costruite prevalentemente sulla base dei records CINECA dotati di ISSN, mentre il DM 76 “criteri e parametri” all’allegato B prevede che possano essere riviste scientifiche di classe C anche periodici senza ISSN. Resta da capire come sia stata costruita la seconda mediana in assenza di liste complete.

[2] Documento ANVUR di accompagnamento alle mediane non bibliometriche, punto 3.

[3] Delibera ANVUR 50/2012, art. 11 c. 3 ss.

[4] In proposito il DM 76, app. B, 2 afferma: “2. Per ciascun settore concorsuale di cui al numero 1 l’ANVUR, anche avvalendosi dei gruppi di esperti della Valutazione della Qualità della Ricerca (VQR) e delle società scientifiche nazionali, effettua una suddivisione delle riviste su cui hanno pubblicato gli studiosi italiani in tre classi di merito”. Si veda anche la Delibera ANVUR 50/2012, art. 12: L’ANVUR, tenuto conto del parere del Gruppo di lavoro e delle osservazioni e delle proposte dei GEV, delibera le liste definitive e le trasmette al CINECA [..]”. Circa gli esperti anche stranieri e i pareri delle società disciplinari si veda la Delibera ANVUR 50/2012, art. 11.

Send to Kindle

27 Commenti

    • Accolgo l’invito a fornire informazioni sulle contraddizioni delle liste di riviste di fascia A pubblicate dall’ANVUR, segnalando alcune incongruenze relative al settore concorsuale 10/I1 – Lingue, Letterature e Culture Spagnola e Ispanoamericane.
      L’elenco pubblicato si discosta ampiamente da quello fornito all’ANVUR dall’Associazione Ispanisti Italiani (del cui Direttivo faccio parte), ed elaborato grazie alla consultazione dei data base più accreditati. Non solo sono state espunte numerose riviste, sia straniere sia italiane, ma ne sono state aggiunte altre non pertinenti, soprattutto di italianistica. L’anomalia più vistosa è l’inserimento di Cultura tedesca: la presenza occasionale tra le sue pagine di qualche ispanista non ne fa certo un titolo di riferimento per il nostro settore concorsuale!
      Sono state fatte esclusioni incomprensibili e l’accetta si è accanita in particolare sulle riviste straniere, la cui assenza rende talvolta grottesca la promozione di alcune italiane, di indubbio valore scientifico, ma di discutibile “eccellenza”. Sono state eliminate quasi tutte le riviste internazionali di linguistica spagnola (il nostro settore concorsuale comprende tre SSD, L-LIN/05 Letteratura spagnola, L-LIN/07 Lingua e traduzione – Lingua spagnola e L-LIN-06 Lingua e letterature ispano-americane), ma anche prestigiose riviste di letteratura (ed es. Ínsula); escluse altresì riviste italiane non meno importanti di quelle promosse (Artifara, Studi ispanici, ecc.). Né si può invocare, a giustificazione, il pretesto che su tali riviste non abbiano scritto gli ispanisti italiani, visto che si può dimostrare il contrario.
      A parte le abilitazioni, era legittimo aspettarsi che queste liste potessero costituire un solido punto di riferimento per il futuro: ma che conclusioni ne deve trarre, ad esempio, un giovane e serio ricercatore, se pubblicare sulle migliori riviste internazionali diventa addirittura penalizzante?

  1. “In ogni caso va ricordato che in Italia stiamo assistendo al primo caso di applicazione generalizzata di indicatori statistici e bibliometrici ai fini del reclutamento, in palese contrasto con larghissima parte della letteratura scientometrica. L’ambizione di apprezzare, attraverso una macchina numerica, dati complessi che necessitano di approfondite valutazioni è del tutto insensata e infatti già da tempo si assiste a continui rimaneggiamenti e aggiustamenti del marchingegno, che tuttavia non paiono essere in alcun modo risolutivi. L’esito che già fin d’ora sembra delinearsi (si veda quanto affermano Ribolzi e Castagnaro ed anche Fantoni), è quello di un ritorno pieno alla discrezionalità delle commissioni, il che induce a chiedersi se le energie e il danaro pubblico investito in questa operazione sia davvero stato ben speso.”

    Non ‘induce a chiedersi se”. La risposta ce l’avevamo già prima di quest’ignobile carosello. E’ NO, non sono stati spesi bene e lo si sapeva in partenza (perché c’è una bibliografia internazionale che scientemente e con sufficienza è stata ignorata). E’ stata adottata da Miur, Profumo, Anvur e Crui (consenziente) una strategia diversiva per portare il corpo docente su un terreno improprio (ma che sembrasse affidabile ed oggettivo), impantanandolo e facendolo affogare nelle sabbie mobili biblio-pseudoscientifiche fatte di tabelle tabelline algoritmi scadenze semafori elenchi classificazioni continuamente cangianti, per impegnarlo per mesi in discorsi e calcoli parzialmente superflui, per portarlo continuamente in vicoli ciechi; una strategia anche comunicativa che creasse tensioni, contrapposizioni, illusioni (finalmente un po’ di concorsi, qualcuno passerà in qualche modo, forse il clima è stato un tantino moralizzato, qualche passo in avanti, poi si correggeranno gli errori, tutti possono sbagliare, i migliori sopravvivranno).

    Calcoli fatti su dati incompleti, casuali, selezionati secondo criteri discutibili, estratti da una popolazione incompleta che non costituisce nemmeno un campione affidabile.

  2. “a oggi risulta oscuro chi dovrà controllare l’eventuale superamento delle mediane da parte dei candidati, sempre che tale requisito alla fine di questa confusa procedura sia effettivamente ritenuto vincolante”

    Mi pare che questo punto sia stato chiarito dall’art. 4, comma 4 del decreto direttoriale 222, 20 luglio 2012, che recita:
    “La commissione attribuisce l’abilitazione con motivato giudizio espresso sulla base di criteri e parametri differenziati per funzioni e per area disciplinare, definiti dagli articoli 3, 4, 5, 6 e 7 del DM n. 76 del 2012, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, del DPR n. 222 del 2011, e fondato sulla valutazione analitica dei titoli posseduti e delle pubblicazioni scientifiche pubblicate fino alla data di presentazione della domanda, previa sintetica descrizione del contributo individuale alle attività di ricerca e sviluppo svolte. In particolare, ai fini del calcolo degli indicatori dei singoli candidati di cui agli allegati A e B del DM n. 76 del 2012 (le mediane ndr), il riferimento ai dieci anni consecutivi deve essere inteso includendo le pubblicazioni scientifiche pubblicate nei dieci anni precedenti alla data di pubblicazione del presente decreto e fino alla data di presentazione della domanda”
    A calcolare le mediane dei candidati dovranno essere, dunque, le commissioni.

    • mah, se le commissioni devono anche calcolare le mediane è garantito al limone che non leggeranno manco una pagina dei titoli. Suggerisco questo esperimento:
      moltiplicare il numero massimo dei titoli presentabili per il 50% dei pa e dei RTI di un settore.
      Dividere il risultato in termini di monografie e articoli per 3 mesi. Il risultato che viene con il mio settore è alquanto spassoso. Se poi devono anche contare le mediane..con il rischio di valutazioni difformi da commissione a commissione e che partano raffiche di ricorsi.

    • Penso che il calcolo delle mediane sarà piuttosto rapido, perché per ogni candidato incardinato le commissioni avranno a disposizione i dati cineca divisi per tipologie (articoli, libri, fascia A, ecc.). Ignoro del tutto, tuttavia, come questo calcolo sarà possibile per i candidati non incardinati nell’università italiana.
      Che le commissioni possano leggere tutti i titoli presentati dai candidati è logicamente da escludere: al massimo, leggeranno i titoli dei titoli.

    • a naso penso che si scambieranno liste di abilitandi sulle quali litigare (non troppo visto che poi le questioni vere sono nei singoli atenei) secondo procedure old style che conosciamo bene.
      Voglio vederli a redigere giudizi ben motivati. Insomma, cambiare tutto per non cambiare niente, anzi.

    • l’articolo è ottimo e ringrazio antonio banfi per quel che fa.

      gli chiederei però di ricordarsi che le abilitazioni non riguardano solo rti e pa, ma anche precari, espatriati, ricercatori dei cnr ecc ecc.

      ricordiamocelo, altrimenti si legittima l’idea che questa procedura sia finalizzata solo a fare promozioni. in realtà è e sarà così, ma questo non vuol dire che possiamo accettare la cosa.

      in ogni caso, se conteggiamo tutti quei gruppi il numero di pubblicazioni da leggere e valutare raggiunge numeri astronomici. è evidente che non leggeranno nulla, come del resto è sempre avvenuto nei concorsi a tutti i livelli.

    • è vero, oltre a ricercatori CNR e expats, sono potenzialmente fregati dal modo in cui sono costruite le liste anche i precari. Che sono fregati in molti altri modi, a partire dall’età accademica (niente congedi computati), per finire con il combinato disposto di 240 e disposizioni sul turnover. E’ un disastro che va cambiato in toto.

  3. Una cosa è certa: non si può, mentre il bando è ancora aperto, chiarirsi le idee, le mediane e quant’altro, strada facendo, per tentativi, ritrattazioni ed errori segnalati a destra e a manca, subito riconosciuti a colpi di e-mail e interviste. Sarebbe serio, data la quantità di anomalie e contraddizioni e l’incompletezza di informazioni, prorogare la scadenza, ad esempio posponendola al pronunciamento del Tar del Lazio, che molto può ancora rimescolare le carte.

  4. Del tutto d’accordo con il contenuto dell’articolo. Fra le innumerevoli incongruenze delle liste dell’area 10, segnalo la presenza di un’altra rivista, prestigiosissima ma interamente dedicata a recensioni, e cioè Gnomon.
    L’unico commento possibile, purtroppo, è “er pasticciaccio brutto de Piazza Kennedy”.

  5. Confesso che per un po’ di tempo ho pensato che il ricorso ad una lista di riviste di classe A come fattore di qualificazione ‘simil-bibliometrico’ per i settori non bibliometrici potesse funzionare. Dopo tutto l’idea sembrava abbastanza sana, quantomeno più sana del mero computo del numero dei prodotti editoriali (1 libro epocale di 500 pagine che vale meno di due raccolte di dispense con ISBN mi pareva davvero troppo). L’idea mi pareva fosse quella di sfruttare il lavoro di qualificazione già svolto da riviste con diffusione internazionale e di utilizzarlo come criterio, sia pure approssimativo, per poter valutare la qualità di un prodotto senza doverlo necessariamente leggere (per il semplice motivo che altre persone affidabili, i reviewers, questo ‘lavoro sporco’ lo avevano già fatto).

    Quando ho visto l’elenco delle riviste per il mio settore (11C) mi sono cadute le braccia: come ho segnalato in vari post tale elenco esclude la maggior parte delle migliori riviste internazionali di indole teoretica facendo spazio per un gran numero di riviste italiane, non sempre di alto livello.

    Quando poi ho ricevuto le risposte ufficiali da parte di membri dell’Anvur alle mie richieste di chiarimenti, beh, mi è caduto il resto…
    In sostanza:

    1) Si ammetteva serenamente che la lista di riviste di classe A erano state prodotte con una procedura concertativa che esplicitamente chiamava in causa gli usuali poteri consolidati dell’Accademia italiana ed escludeva tutti gli altri (ricercatori e docenti operanti all’estero, ricercatori del CNR, precari italiani non incardinati, ecc.)

    2) Si ammetteva con pari tranquillità che i criteri esposti dall’Anvur stesso, con particolare riferimento a diffusione, stima ed impatto internazionale, erano stati disattesi, ma che ciò doveva essere considerato con favore in quanto favoriva il “proiettarsi sul piano internazionale” delle riviste italiane.

    3) Si ammetteva che un problema di squilibrio nella redazione della lista c’era e che vi si sarebbe cercato di porre rimedio aggiungendo “una lista, non obbligatoria per legge, di segnalazione di elevata qualità.” (??)

    Giunto a questo punto comincio a pensare che la riflessione semiseria di un precedente articolo di Roars sull’Artefice sia fondata: si stanno creando una dopo l’altra le condizioni per un rapido ‘indietro tutta’ che annullerà ogni residua speranza di trasparenza e meritocrazia, operando una semplice parziale redistribuzione del potere accademico.

  6. Nell’attesa dell'”interpretazione autentica” (se mai arriverà) sollecitata dal CUN sull’effettivo valore (dirimente o indicativo) delle famigerate mediane, noto che nel sito ASN del MIUR sono predisposti due files da completare con l'”elenco dei candidati” e l'”elenco dei candidati idonei all’abilitazione”. Mi chiedo se quest’ultima dizione si legga come “candidati ammessi al giudizio della commissione” (e in questo caso la verifica delle mediane sarebbe d’ufficio, e non della commissione, con le conseguenze segnalate da Banfi: errori, discrepanze tra i criteri dei gruppi disciplinari, ricorsi ecc.)oppure se indica semplicemente gli “abilitati” (essendo l’abilitazione prerogativa di un decreto MIUR). Se è vero, come sembra, che la commissione può utilizzare altri criteri (“dieci”, diceva nell’intervista il Presidente ANVUR: dove stanno?), anche più restrittivi (con deliberazione preventiva), chi avrà il tempo di leggere seriamente migliaia di pagine e magari di calcolarsi anche le mediane? Il gatto si morde la coda. L’elenco delle riviste di classe A, poi, per certi SSD è disastroso, farcito di errori, di lacune, di inclusioni inspiegabili. E ora ci sarà un supplemento, un’altra revisione…si salvi chi può.

    • Le commissioni non devono calcolare alcuna mediana. Le mediane sono solo quelle delle tabelle anvur. Possono dire che i candidati devono essere stati responsabili di tot progetti di ricerca o altro simile. In aggiunta ai requisiti anvur o in sostituzione con doverosa motivazione. Gli indicatori anvur devono venire dal cineca, il loro valore non è legato all’arbitrio della commissione (salvo per correggere l’età accademica) o del candidato (in teoria). L’anvur e il ministero non possono giocare allo scaricabarile con le commissioni che, al contrario, sono chiamate a dare un giudizio di qualità. La responsabilità del filtro è del ministero e, se fossi un commissario, mi guarderei bene dal prendere tale responsabilità.

  7. Nell’area 13 le liste di riviste di Classe A sembrano derivare direttamente da quelle predisposte dal GeV per la VQR (e quindi sono sottoponibili alle critiche cui eventualmente si è esposto quel lavoro di classificazione, più quelle che si potrebbero aggiungere per via del diverso utilizzo). Da questo punto di vista, per i settori concorsuali economico politici, l’unica arbitrarietà che ho sin qui rilevato (ma non ho fatto un lavoro di analisi sistematico), su input di un lettore di ROARS, è il caso della rivista (online) Theoretical Economics, passata dalla classe C della VQR alla classe A dell’Abilitazione.

    • Mi dicono fonti del GEV dell’area 13 che nel caso di Theoretical Economics (A Journal of the Econometric Society) potrebbe essersi trattato di un errore (ci sono altre riviste con nomi simili, e l’ANVUR no ha indicato il codice ISSN), e che nessun italiano ha mai pubblicato su tale rivista.

  8. Ringrazio Antonio Banfi e tutti gli altri per gli utili commenti e segnalazioni. Ho qualche ulteriore osservazione/domanda, per chi mi sa rispondere:

    A) tra le voci di corridoio che mi sono arrivate nel corso dell’estate, c’è quella secondo cui le riviste A sono il 20% del totale, B il 30% e C il 50%. Qualcuno sa se è vero? E’ scritto da qualche parte? (che si debba perder tempo a congetturare su queste cose, invece di avere una chiara e sintetica indicazione dei criteri seguiti, è ovviamente parte non piccola del problema).

    B) Senza le liste complete, come facciamo a sapere quali sono le riviste reputate ‘scientifiche’ dalla propria area? Si deve intendere che sono scientifiche tutte le riviste dotate di ISSN indipendentemente dal fatto di essere inserite o meno nelle liste delle ‘propria’ area? Io avevo capito che così fosse, ma quel che riporta Banfi (che la validità della scientificità è solo relativa all’area CUN) sembra indicare che ci sono problemi anche su quel fronte. (Al momento, sto scrivendo un articolo che, per la sua natura, mi sembrava di poter proporre a una rivista storica specializzata, non ultimo per poter contare su un referaggio attendibile da parte di esperti del mio argomento sconosciuto ai letterati, ma se riuscire a essere pubblicata su una rivista storica rischia in futuro di penalizzarmi, perché per noi anglisti conteranno come scientifiche solo le riviste dell’area 10, sarà meglio che mi orienti altrimenti, no?).

    C) Circa la validità delle classificazioni esterne ad una singola area, abbiamo però sentito da Graziosi, circa la Classe A dell’area 11, che “come risulta con chiarezza dalla premessa alle liste pubblicate a febbraio sul sito Anvur, l’area 11 scelse—e secondo me giustamente per tener conto di interdisciplinarietà e decisioni anche individuali di varcare confini e rompere barriere— … di riconoscere che le riviste di fascia A di aree diverse dalla 11 valessero per noi così come esse erano state valutate dagli specialisti del settore”. Mi pare una scelta intelligente, per evitare (come è successo al mio settore concorsuale) di produrre una lista di classe A piena di riviste che solo occasionalmente pubblicano cose rilevanti per il settore a scapito di quelle effettivamente specialistiche. La scelta dell’area 11 vale anche per la procedura delle idoneità o solo per VQR? E soprattutto, le altre aree non bibliometriche si sono pronunciate in proposito, o no? Dal VQR 10/anglistica mi erano giunte rassicurazioni in proposito (in primavera) e colleghi francesisti ancora a luglio mi hanno stato detto che una rivista che risultava di classe A in altri settori concorsuali sarebbe stata di Classe A anche per noi senza bisogno che la rivista venisse ripetuta in tutte le liste, ma da come appare confezionata la lista 10/L1 si direbbe che a livello di GdL l’impostazione è stata diversa.

    D) siccome circolano voci circa il fatto che omissioni illustri negli elenchi di classe A potrebbero dipendere da errori materiali commessi dai tecnici ANVUR all’atto della messa in rete delle liste, mi piacerebbe sentire che hanno da dire loro in proposito.

    • Proprio così: è fondamentale la pubblicazione dell’elenco delle riviste considerate scientifiche nella propria area. Non si può lasciare questo vuoto. Non è indifferente per il candidato, visto che rischia di rimanere fuori per le prossime tornate!

  9. Caro Banfi,

    rispondendo alla sua sollecitazione, segnalo che in nessuna lista dell’area 10 compare la ‘Classical Quarterly’.

    ‘Mnemosyne’ compare solo per il SC 10 D2.

    Io mi trovo nella imbarazzante situazione di chi, solo sulla base di 5 recensioni su BMCR, supera la terza mediana per filologia classica e per greco.

    Il tutto è semplicemente ridicolo.

    • ANVUR risponde privatamente che le note a sentenza che pur non hanno concorso (almeno in teoria) al calcolo delle mediane sono invece valide per superarle, purché siano assimilabili ad articolo. Lo stesso suppongo valga per le recensioni.
      In ogni caso, concludono dicendo che se ne occuperà un la commissione un po’ come le pare.
      Questo mi fa pensare che faranno calcolare il superamento delle mediane ai commissari..ci sarà da ridere.

    • Sono poi anche svantaggiato dal fatto che una rivista di fascia A su cui ho pubblicato (il Rheinisches Museum) è classificata come tale in area 10, ma non nella 11, che pure sarebbe la mia: io studio storia della filosofia antica, ed è quindi normale per me pubblicare qualcosa su riviste di filologia; le mediane sono così basse che riuscirei comunque a superarle, se solo volessi provare l’abilitazione, ma resta comunque vero che non ha senso che manchi il reciproco riconoscimento tra le aree, come lei ben rileva.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.